Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSocietàAssonime: 20 proposte per promuovere crescita digitale in Italia

Assonime: 20 proposte per promuovere crescita digitale in Italia In evidenza

Pubblicato in Società
30 Luglio 2016 di Giuseppe Picciano Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)

Venti proposte di politica pubblica per promuovere la crescita digitale in Italia. Sono le indicazioni operative del rapporto su “Mercato unico digitale: le sfide per la politica pubblica in Italia", elaborato da Assonime (l'Associazione delle società per azioni). Il documento, frutto di un gruppo di lavoro coordinato da Franco Bassanini insieme a Elio Catania, è stato inviato al Governo, anche in vista dei prossimi sviluppi in tema di digitale. L'Italia digitale occupa ancora una posizione arretrata in Europa anche se il divario - segnala il rapporto - si sta riducendo. Per colmarlo del tutto, a giudizio di Assonime, occorre “una governance forte e stabile dell'agenda digitale in Italia. La politica pubblica nazionale, inoltre, deve essere strettamente integrata con quella europea. Con la strategia per la crescita digitale 2014-2020 e il piano banda ultralarga - prosegue Assonime - è stato adottato un approccio sistematico, basato su obiettivi e azioni prioritarie. Occorre però accelerare nell'attuazione dei progetti (Sistema pubblico di identità digitale, Anagrafe nazionale) e nella realizzazione della rete, tenendo conto che in futuro l'ordine di grandezza saranno i gigabit”. Sul piano della politica industriale, per sostenere le Pmi italiane nel compito di cogliere tempestivamente le sfide della trasformazione digitale, si deve superare la frammentazione e la disorganicità degli interventi. In merito, Assonime auspica un'alleanza per l'innovazione, valorizzando i ruoli complementari che possono essere svolti in favore delle Pmi da università, centri di ricerca e associazioni imprenditoriali. Per gli incentivi, l'esperienza positiva del Decreto legge “Nuova Sabatini” (complesso di interventi per lo sviluppo e la competitività delle imprese) può fornire il modello per un nuovo strumento mirato a sostenere gli investimenti con impatto significativo sull'innovazione.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni