Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSocietàA Firenze evento su Circo Sociale e disabilità

A Firenze evento su Circo Sociale e disabilità In evidenza

Pubblicato in Società
19 Aprile 2016 di Carmine Alboretti Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)

Un convegno internazionale dedicato alle arti circensi come strumento di inclusione sociale per persone con diverso tipo di disabilitaÌ, fisica o mentale. Questa la missioni di “Circo sociale: un’altra risorsa”, la due giorni iniziata che si è svolta a Firenze presso l’Impact Hub (via Panciatichi 14) promossa da AltroCirco in collaborazione con il Cirque du Soleil per guardare al circo come a un’altra risorsa, uno strumento adattabile alle peculiarità di ogni persona. Perché nel circo ogni abilità, soprattutto se strana o “diversa”, è fonte di ricchezza invece che di emarginazione. L’iniziativa, a ingresso libero, è stata patrocinata dal Comune di Firenze e da altri prestigiosi enti, come l’Ordine degli Psicologi della Regione Toscana e la Fondazione Patrizio Paoletti, ente qualificato per la formazione riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. 

Nel corso della kermesse si sono susseguiti workshop pratici e teorici, tavoli di lavoro e testimonianze dirette di esperti del settore provenienti da tutto il mondo sui progetti di circo sociale più innovativi offriranno un’occasione unica per conoscere il mondo del circo sociale e le sue numerose applicazioni in ambito sociale, pedagogico e psicologico in contesti di disabilità. Ma non solo: anche uno spettacoli degli artisti dei progetti di circo sociale.

Tra le esperienze italiane al centro del convegno: il progetto Tuttinsieme per l’integrazione del Circo Tascabile di Firenze, promosso dal Comune e rivolto alle classi con presenza di alunni diversamente abili; i percorsi avviati dal TeatrAzionE di Torino; il progetto Spazza la Piazza di AltroCirco, uno spettacolo di strada in giro per l’Italia che ha coinvolto 24 persone tra ospiti e operatori di un centro diurno per disabili.

Tra le testimonianze dal mondo, invece: Streetwise Community Circus & School of History & Anthropology della Queen’s University di Belfast, che da 14 anni offre progetti di circo a giovani e adulti su tutto il territorio dell’Irlanda del Nord; American Youth Circus Organization,, impegnata sul fronte delle nuove scoperte in materia di circo adattato; Circus at Tecc, programma triennale di formazione in arti circensi per giovani con necessità speciali nato dalla collaborazione tra la Summit School di Montreal e l’istruttrice di circo Aurelie Tenzer.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni