Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSanitàVisualizza articoli per tag: cuore
Parte la campagna«Cuoriamoci, piccoli gesti per la salute del cuore» promossa da Fondazione Italiana per il Cuore in collaborazione con la Società Italiana di Scienza dell'Alimentazione e con il supporto non condizionato di Parmalat, per sensibilizzare gli italiani sull'importanza di prendersi cura del benessere del proprio cuore grazie a piccoli e semplici gesti quotidiani. Una campagna che ha l'obiettivo di parlare al più ampio numero di persone possibile perché - non tutti lo sanno o ne sono consapevoli - le malattie cardio-vascolari sono la prima causa di morte in Italia, oltre che una delle prime voci di spesa del Sistema Sanitario Nazionale.

Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per abbonarti o effettua il login dalla home page se sei abbonato

Pubblicato in Sanità
Nel pomeriggio del Venerdì Santo, nella Basilica Vaticana, il predicatore della Casa Pontificia, Padre Raniero Cantalamessa, ha offerto una riflessione. Il racconto della Passione è quello secondo Giovanni. “E’ il racconto di una morte violenta – commenta il predicatore nell’omelia - Notizie di morti, e di morti violente, non mancano quasi mai dai notiziari serali”.

Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per abbonarti o effettua il login dalla home page se sei abbonato

Pubblicato in Vaticano
Il numero di persone che si ammalano ogni anno di patologie cardiocircolatorie è in costante aumento e l'impatto del rischio è significativo. Le malattie cardiovascolari rappresentano, infatti, la prima causa di morte in molti paesi Europei e si prevede che nel 2030 i decessi annui aumenteranno da 17 a 23 milioni. Sono circa 20 i miliardi di euro spesi ogni anno in Italia per queste patologie (tra costi diretti e indiretti) e, dell'impatto socio-economico, con particolare riferimento al mondo del lavoro, si è parlato ieri a Roma presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in occasione dell'evento«Insieme al mondo del lavoro per ridurre la mortalità delle malattie cardiovascolari»promosso dalla Fondazione Italiana per il Cuore. Alla luce dell'impatto di queste patologie sulla vita lavorativa e dei costi previdenziali che ne derivano, oltre che in considerazione della recente manovra finanziaria che, con la legge di stabilità 2017, potenzia il ruolo del welfare aziendale (sia in realtà pubbliche che private) risulta sempre più evidente come aziende e istituzioni ricoprano un ruolo centrale nella promozione della salute, a partire da quella dei propri dipendenti.«La promozione di una sempre più forte cultura della prevenzione cardiovascolare è un passo fondamentale verso un approccio congiunto tra aziende e istituzioni e più efficace a queste patologie in costante aumento - afferma la Emanuela Folco, Presidente, Fondazione Italiana per il Cuore - Come Fondazione ci siamo sempre posti in qualità di garante della bontà di progetti di alto valore sociale come Lavora con il Cuore. Per proseguire in questo percorso - prosegue Folco - è imprescindibile la collaborazione e l'alleanza con altri gruppi che condividono con noi gli stessi scopi. Proprio in questi giorni si è concluso il lungo percorso dei LEA dove il Ministero della Salute ha voluto consolidare non solo sugli assistiti ma sulle singole persone la sua attenzione sulla salute del cittadino». Circa 550 le persone coinvolte dalla campagna nazionale«Lavora con il Cuore» promossa dall'Associazione Fondazione Italiana per il Cuore e Ministero del Lavoro ma il 21% non era consapevole di avere fattori di rischio cardiovascolare aumentato «Lavora con il Cuore»è la campagna di prevenzione avviata nel 2015 dalla Fondazione Italiana per il Cuore, in condivisione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con l'intento di valutare i principali fattori di rischio cardiovascolare tramite un semplice test del sangue.«Sono convinto che si stia aprendo una nuova stagione illuminata, in cui il mondo del lavoro si coalizza sempre più con tutti i Soggetti che si occupano della salute dei cittadini - commenta Luigi Bobba, sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali -. La salute del singolo individuo, infatti, è certamente un bene primario, ma lo è ancor più se anche il contesto lavorativo lo sostiene con adeguate ed integrate politiche di welfare. In questa ottica il Ministero del Lavoro con la Fondazione Italiana per il Cuore è riuscito a realizzare un significativo intervento per i suoi dipendenti mirato all'individuazione di eventuali patologie cardiovascolari, purtroppo in crescita in molti Paesi europei. L'iniziativa, portata avanti nel 2015 e nel 2016, rappresenta un grande esempio di sensibilità rivolta alle lavoratrici e ai lavoratori che può indurre ad adottare stili di vita corretti, attivando un circolo virtuoso. Per un datore di lavoro, avere collaboratori in salute favorisce un ambiente di lavoro più armonioso, riduce i costi e incrementa efficienza e produttività. Questa importante azione di welfare rappresenta, altresì, un esempio di politiche di gestione del personale moderno volto a facilitare un rapporto di coalizione tra amministrazione e dipendenti».
Pubblicato in Sanità

Si è chiuso a Roma nei giorni scorsi il 76° Congresso Nazionale della Società Italiana di Cardiologia. "La cardiologia negli ultimi 50 anni ha fatto dei progressi incredibili consentendo di aumentare l'aspettativa di vita di oltre dieci anni, un esempio concreto dell'importanza della lotta alle malattie cardiovascolari e del grado di eccellenza della ricerca cardiologica". ha dichiarato Francesco Romeo, Presidente della Società Italiana di Cardiologia.

Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per abbonarti o effettua il login dalla home page se sei abbonato 

Pubblicato in Società

Alcuni miti possono essere sfatati. E' credenza diffusa che bere troppo caffè può comportare rischi per la nostra salute ma , secondo una nuova ricerca, se si assumono dalle 3 alle 5 tazzine di caffè al giorno si potrebbe ridurre il rischio di avere un attacco di cuore. Lo studio, pubblicato sulla rivista "Heart", specializzata in cardiologia, è stato condotto su un campione di 25mila persone: stando ai risultati ottenuti, coloro che erano soliti prendere più di tre caffè avevano le arterie più "pulite" rispetto agli altri. il team di studiosi del Kangbuk Samsung Hospital di Seoul si è concentrato sulle quantità giuste da prendere, che sarebbero appunto dalle 3 alle 5 tazzine. I ricercatori hanno esaminato il calcio nelle arterie coronarie dei pazienti, la cui presenza potrebbe essere un primo segnale di arterie ostruite e di una propensione alle malattie cardiache. I partecipanti sono stati poi divisi in tre gruppi: i primi consumano meno di una tazzina al giorno, i secondi da una a tre al giorno e i terzi da tre a cinque e proprio questi ultimi sono risultati quelli con il livello minore di calcio nelle arterie. «Il nostro studio aggiunge alcune prove al fatto che il consumo di caffè può essere inversamente associato al rischio di malattie cardiache». Inoltre il consumo di caffè intacca anche la sensibilità dell'insulina e riduce il rischio di soffrire di diabete di tipo 2. 

Pubblicato in Costume
La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30