Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSanitàCostumeIl caffè alleato del cuore: bere dalle 3 alle 5 tazzine al giorno riduce il rischio di infarto

Il caffè alleato del cuore: bere dalle 3 alle 5 tazzine al giorno riduce il rischio di infarto

Pubblicato in Costume
05 Marzo 2015 di Francesca Romana Falconio Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)

Alcuni miti possono essere sfatati. E' credenza diffusa che bere troppo caffè può comportare rischi per la nostra salute ma , secondo una nuova ricerca, se si assumono dalle 3 alle 5 tazzine di caffè al giorno si potrebbe ridurre il rischio di avere un attacco di cuore. Lo studio, pubblicato sulla rivista "Heart", specializzata in cardiologia, è stato condotto su un campione di 25mila persone: stando ai risultati ottenuti, coloro che erano soliti prendere più di tre caffè avevano le arterie più "pulite" rispetto agli altri. il team di studiosi del Kangbuk Samsung Hospital di Seoul si è concentrato sulle quantità giuste da prendere, che sarebbero appunto dalle 3 alle 5 tazzine. I ricercatori hanno esaminato il calcio nelle arterie coronarie dei pazienti, la cui presenza potrebbe essere un primo segnale di arterie ostruite e di una propensione alle malattie cardiache. I partecipanti sono stati poi divisi in tre gruppi: i primi consumano meno di una tazzina al giorno, i secondi da una a tre al giorno e i terzi da tre a cinque e proprio questi ultimi sono risultati quelli con il livello minore di calcio nelle arterie. «Il nostro studio aggiunge alcune prove al fatto che il consumo di caffè può essere inversamente associato al rischio di malattie cardiache». Inoltre il consumo di caffè intacca anche la sensibilità dell'insulina e riduce il rischio di soffrire di diabete di tipo 2. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni