Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSanitàPediatri, no a smartphone e tablet prima dei 2 anni

Pediatri, no a smartphone e tablet prima dei 2 anni In evidenza

Pubblicato in Sanità
14 Giugno 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
No a smartphone e tablet prima dei due anni, durante i pasti e prima di andare a dormire. Limitare l'uso a massimo 1 ora al giorno nei bambini di età compresa tra i 2 e i 5 anni e al massimo 2 ore al giorno per quelli di eta' compresa tra i 5 e gli 8 anni: sono le principali raccomandazioni della Società Italiana di Pediatria che per la prima volta si esprime con un documento ufficiale sull'uso dei media device nei bambini da 0 a 8 anni di età. Il Position Statement dei pediatri italiani, pubblicato oggi sulla rivista Italian Journal of Pediatrics viene presentato a Roma in occasione del 74° Congresso Italiano di Pediatria ed e' il frutto di un'approfondita analisi della letteratura scientifica che ha indagato sia gli effetti positivi sia quelli negativi sulla salute fisica e mentale dei bambini al fine di stabilire l'età più appropriata per l'esposizione ai media device e le corrette modalità. Il documento dei pediatri sconsiglia inoltre programmi con contenuti violenti e soprattutto l'uso di telefonini e tablet per calmare o distrarre i bambini. No al cellulare "pacificatore". Si', invece, all'utilizzazione di applicazioni di qualità da usare insieme ai genitori. I bambini cominciano sempre prima a cimentarsi con i dispositivi digitali. Il dato più eclatante arriva dagli Stati Uniti: il 92% dei bambini inizia a usarli già nel primo anno di vita e all'età di due anni li utilizza giornalmente. In Italia 8 bambini su 10 tra i 3 e i 5 anni sanno usare il cellulare dei genitori. E mamma e papà sono troppo spesso permissivi: il 30% dei genitori usa lo smartphone per distrarli o calmarli già durante il primo anno di vita, il 70% al secondo anno. Ma i genitori sono davvero consapevoli dei rischi per la salute psicofisica di un utilizzo precoce dei dispositivi digitali? In realtà se ne parla ancora troppo poco.Solo il 29% dei genitori chiede consiglio ai pediatri. "Nessuna criminalizzazione delle tecnologie digitali, anzi alcune applicazioni hanno mostrato di avere un impatto positivo sull'apprendimento in eta' prescolare, purché usate insieme ai genitori. Ma come pediatri che hanno a cuore la salute psicofisica dei bambini non possiamo trascurare i rischi documentati di un'esposizione precoce e prolungata a smartphone e tablet", spiega il presidente della Società Italiana di Pediatria Alberto Villani. Numerose infatti sono le evidenze scientifiche sulle interazioni con lo sviluppo neuro-cognitivo, il sonno, la vista, l'udito, le funzioni metaboliche, le relazioni genitori-figli e lo sviluppo emotivo in eta' evolutiva. Secondo Elena Bozzola, Segretaria Nazionale SIP, è importante "porre ai bambini dei limiti e trovare dei modi alternativi per intrattenerli e calmarli, cosi' come si rivela preziosa la partecipazione educativa dei genitori all'esperienza digitale dei figli. Ma - aggiunge - soprattutto i genitori dovrebbero dare il buon esempio, limitando l'utilizzo dei media device perché i bambini sono grandi imitatori".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30