Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSanitàSalute, Regione Lazio favorisce cultura donazione

Salute, Regione Lazio favorisce cultura donazione In evidenza

Pubblicato in Sanità
02 Novembre 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Settembre 2017 e' stato il mese con piu' donazioni di organi nella Regione Lazio: 28 accertamenti di morte cerebrale hanno portato a 19 donazioni, di cui 13 multi-organo. Senza contare che grazie alla rete trapiantologica del Centro Nazionale Trapianti sono stati trapiantati nel Lazio altri 8 organi provenienti da tutta Italia. Non si tratta solo di freddi numeri, ma di importanti segnali di un sistema che funziona e che va sempre piu' supportato. Accolgo con piacere la notizia dell'imminente attivazione nella Regione Lazio del nuovo portale web eReferral, che consentira' ai medici che hanno in cura pazienti che sono potenziali candidati al trapianto di fegato, di sottoporre la richiesta per via elettronica, per una rapida valutazione da parte di specialisti epatologi dei trapianti. Il progetto e' stato realizzato e implementato presso le Unita' di Epato-Gastroenterologia del Policlinico Umberto I - Universita' La Sapienza e del Policlinico Tor Vergata, dove operano due dei Centri Trapianto di fegato romani e sara' operativo a breve anche presso gli altri centri trapianto della Regione Lazio. La prossima tappa deve essere la maggiore informazione e l'incoraggiamento nei confronti di chi ha deciso di manifestare la propria volonta' in merito alla donazione degli organi e dei tessuti. Cio' passa attraverso gli uffici dedicati presenti in ogni azienda sanitaria, ma soprattutto attraverso una capillare diffusione della CULTURA della donazione. Cosi' Rodolfo Lena, Presidente della Commissione Politiche Sociali e Salute della Regione Lazio.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni