Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSanitàCamera: domenica "Montecitorio a porte aperte"

Camera: domenica "Montecitorio a porte aperte" In evidenza

Pubblicato in Sanità
02 Novembre 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sara' un'edizione di Montecitorio a porte aperte all'insegna della musica quella in programma domenica 5 novembre. Nella Sala della Lupa, alle ore 12 con diretta webtv, alla presenza della Presidente della Camera, Laura Boldrini, si esibiranno il maestro campione del mondo della fisarmonica, Pietro Adragna, e l'Orchestra napoletana. Pietro Adragna, talento siciliano, classe 1988, e' riuscito negli anni ad associare la fisarmonica alla musica colta, affrancandola dal contesto prettamente popolare a cui solitamente e' legata, e a proiettarla verso la piu' assoluta contemporaneita' grazie a continue improvvisazioni e reinvenzioni estemporanee. Con il suo strumento, propone un repertorio quanto mai eclettico e vario, sempre arricchito da personalissimi arrangiamenti: dallo choro al tango argentino di Piazzolla, passando per le sinfonie ed arie d'opera di compositori come Rossini e Bellini, rivisitate dall'artista in una versione strumentale. L'Orchestra napoletana, sotto la direzione artistica di Luigi Grima, si compone di sette musicisti, una soprano e un tenore. Nasce a Napoli dalla fattiva collaborazione tra l'associazione Discantus, che riunisce i migliori musicisti napoletani, e il Complesso monumentale Donnaregina, in cui e' situato il Museo diocesano dell'Arcidiocesi di Napoli, fondato dal Cardinale Crescenzio Sepe. L'Orchestra propone un viaggio tra le piu' belle melodie di quella espressione di arte, storia, e cultura, che e' rappresentata, caso unico al mondo, dalla canzone napoletana.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni