Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSanitàEmofilia, al via progetto limitizero

Emofilia, al via progetto limitizero In evidenza

Pubblicato in Sanità
22 Luglio 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
L'emofilia è una rara malattia della coagulazione che in Italia colpisce circa 5 mila pazienti (4.879), per lo più maschi. Se fino agli anni '70 - '80 nascere con questa malattia significava doversi limitare nell'attività fisica e convivere comunque con frequenti sanguinamenti e con una probabile disabilità articolare oggi le cose sono molto cambiate grazie alla profilassi e alle nuove terapie che permettono di vivere senza limiti e barriere. I giovani che ne sono affetti possono avere una normale quotidianità, viaggiare e fare sport, e sentono la necessità di costruire e diffondere una nuova immagine della vita con l'emofilia. Per aiutarli a comunicare ad un ampio pubblico la conquista di questa nuova condizione nasce il progetto Emofilia Limitizero organizzato dall'Osservatorio Malattie Rare in collaborazione con IED - Istituto Europeo diDesign di Milano ed il contributo non condizionato di Sobi Italia. Il progetto porterà alla realizzazione di uno spot pubblicitario in cui ogni cosa - dalla stesura del soggetto alla scrittura della sceneggiatura fino alla realizzazione dello storyboard, cioè il disegno di ogni inquadratura dello spot - sarà realizzata dai ragazzi stessi. Il Progetto Emofilia LimitiZero è realizzato grazie alla collaborazione di FedEmo, Fondazione Paracelso, le Associazioni che si occupano di Emofilia e l'AICE (Associazione Italiana Centri Emofilia). Lo spot verrà presentato al pubblico e diffuso attraverso diversi media e social, a partire dai canali delle associazioni e dei partner coinvolti.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni