Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSanitàAsma in crescita, 42mila bimbi non controllano i sintomi

Asma in crescita, 42mila bimbi non controllano i sintomi In evidenza

Pubblicato in Sanità
22 Luglio 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
L'asma è la più frequente malattia cronica dell'infanzia e dell'adolescenza, una delle principali cause di assenze da scuola e ricovero in ospedale. In Italia, in età prescolare, il 25% soffre di crisi d'asma almeno una volta nella vita, mentre in età scolare ne soffre mediamente 1 bambino su 10. Nelle grandi città è registrata una prevalenza più alta con numeri in crescita. A Roma, per esempio, mentre negli anni '70 accusava asma il 7 % dei bambini, oggi ne soffre il 13%. I maggiori problemi sono tra i 2 e i 4 anni, dove il rischio di essere ricoverati in ospedale è 14 volte maggiore che negli adolescenti, anche se quella dei giovani adulti resta la fascia di età con maggiore probabilità di ricevere una diagnosi d'asma nel corso della vita. Con l'obiettivo di rispondere alla sfida della crescita dell'asma, la Fondazione Policlinico Universitario "Agostino Gemelli" di Roma e l'Istituto "Pio XII" Onlus di Misurina hanno siglato una convenzione finalizzata ad attività di ricerca, educazione e formazione nella cura dei disturbi del respiro del bambino. Con questo accordo, si estende e si consolida la "Misurina excellence network for children's breathing", Rete di eccellenza per le malattie del respiro in alta quota, lanciata il 26 agosto 2016 in occasione della visita al Pio XII del Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato di Papa Francesco, con un primo accordo di partnership scientifica e di networking con l'IRCCS "Bambino Gesù" di Roma. "La collaborazione tra i Centri, - si legge nelle convenzioni siglate - è finalizzata a favorire lo scambio di competenze nella prevenzione e cura dell'asma. Uno dei traguardi della nuova Rete di centri qualificati operanti in sinergia sarà la realizzazione di un polo di eccellenza per lo sviluppo di un'intensa attività di ricerca scientifica e di sperimentazione clinica. In primo luogo per precisare meglio le caratteristiche dell'asma di difficile trattamento e per individuare strategie terapeutiche più efficaci, colmando così una carenza rilevata da diversi studi". Una delle ricadute di maggiore effetto sulla cura di oltre 42.000 bambini italiani che non riescono a controllare i sintomi malgrado ogni sforzo (pari al 5% di tutti i bambini che soffrono d'asma), sarà la stesura di linee guida cliniche congiunte della SIMRI (Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili) e della SIAIP (Società Italiana di Immunologia e Allergologia Pediatrica), per definire i piccoli pazienti che possano maggiormente beneficiare di Misurina, un quadro di riferimento da condividere con la FIMP (Federazione Italiana del Medici Pediatri) e con Federasma. "Attraverso la costruzione della Rete, - ricorda Don Luciano Genovesi, Presidente dell'Opera Diocesana "San Bernardo degli Uberti" di Parma e del "Pio XII" - Misurina intende presentarsi come un'eccellenza nella cura dei disturbi del respiro, e si propone a tutta la galassia della Pediatria italiana, come Laboratorio in quota per lo studio, la prevenzione e la cura dei bambini con disturbi del respiro, per dare a tutte le realtà cliniche una possibilità unica di sperimentazione per affinare approcci terapeutici sempre più efficaci, affiancati alla climatoterapia e alle peculiari condizioni, che in quota permettono con la riduzione delle resistenze delle vie aeree anche un minor uso di terapie e la possibilità di sviluppare programmi di riabilitazione per i soggetti con malattie respiratorie disabilitanti fra cui l'asma".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni