Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSanitàIn Italia spesa farmaceutica pro-capite - 30% rispetto Paesi Ue

In Italia spesa farmaceutica pro-capite - 30% rispetto Paesi Ue In evidenza

Pubblicato in Sanità
06 Maggio 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"L'Italia è ai vertici mondiali per la buona salute, con una spesa più bassa rispetto agli altri Paesi. E con quella farmaceutica pubblica pro-capite inferiore di circa il 30% rispetto ai big Ue. Senza dimenticare che i prezzi, negoziati a livello nazionale con l'Agenzia Italiana del Farmaco, risultano più bassi della media europea". Ad affermarlo è stato Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria, nel corso dell'incontro "Il valore della salute e il prezzo dei farmaci" che si è svolto a Bologna nell'ambito del Festival della Scienza Medica. "Cifre che dimostrano che la spesa farmaceutica è sotto controllo e costantemente monitorata. L'industria farmaceutica - aggiunge Scaccabarozzi - è un asset strategico per l'Italia anche dal punto di vista economico: dal 2010 a oggi è il settore con la più alta crescita della produzione, +13% rispetto a -5% della media manifatturiera, e dell'export, +52% rispetto a +24%. E con una ricerca di qualità, a prevalenza femminile: il 52% degli occupati in R&S è donna. Una locomotiva industriale e tecnologica che contribuisce alla crescita del Paese ma che ha un forte impatto sulla qualità di vita di milioni di persone. Se viviamo di più e meglio è grazie anche alla ricerca farmaceutica. Dagli anni '80-'90 è scesa nei Paesi avanzati la mortalità per moltissime patologie, croniche ed acute, ad esempio neoplasie, HIV ed epatite C. E sono aumentate, pure tra gli anziani, le persone che si dichiarano soddisfatte della propria salute". "Un Rinascimento della Ricerca farmaceutica è in atto con una pipeline di quasi 15 mila prodotti allo studio nel mondo, dei quali oltre 7.000 in fase clinica. Il 40% di questi - prosegue il presidente di Farmindustria - potrebbe diventare un farmaco di medicina personalizzata. Lo sviluppo dell'intelligenza artificiale, dei Big Data e della robotica apre poi nuovi e affascinanti scenari. Un futuro tutto da scoprire che sovvertirà molti paradigmi. Con il farmaco sempre più parte di un processo assistenziale e non considerato solo un prodotto. La sfida è adeguare in tempi rapidi la governance del sistema per accogliere velocemente le innovazioni terapeutiche e attrarre gli investimenti", ha concluso Scaccabarozzi.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni