Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSanità“Nascere Malati”, se ne parla al Bambino Gesù

“Nascere Malati”, se ne parla al Bambino Gesù In evidenza

Pubblicato in Sanità
03 Maggio 2016 di Carmine Alboretti Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Nascere malati”. Se ne discuterà domani a Roma presso la sede di San Paolo dell’Ospedale Bambino Gesù della Santa Sede (Via Baldelli 38). Sarà una sorta di dialogo tra scienza, filosofia e teologia con la partecipazione del cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura, e Bruno Dallapiccola, direttore scientifico dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. L’appuntamento si aprirà alle 9, con i saluti della presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc. Seguirà la lettura del cardinale Ravasi sul tema del “dolore innocente” e l’intervento del prof. Dallapiccola sulle origini della malattia (“Nascere malati: perché?”).  Il programma scientifico, si legge sulla nota stampa che annuncia l’evento, prosegue con la dimostrazione di come, nel corso degli ultimi anni, i progressi della ricerca medica hanno cambiato la condizione dei malati congeniti nei diversi ambiti clinici: la talassemia (Franco Locatelli), il metabolismo (Carlo Dionisi Vici), la fibrosi cistica (Vincenzina Lucidi), le malattie neurologiche (Federico Vigevano), la disabilità mentale (Stefano Vicari), le nefropatie congenite (Francesco Emma), le cardiopatie congenite (Adriano Carotti e Fabrizio Drago), i difetti congeniti dei neonati (Pietro Bagolan), il trattamento trapiantologico (Jean De Ville) e le ipoacusie (Pasquale Marsella).

Nel pomeriggio, le testimonianze dei malati congeniti, le fatiche dei genitori e il ruolo delle associazioni.

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30