Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePoliticaSchiarita sul fronte europeo

Schiarita sul fronte europeo In evidenza

Pubblicato in Politica
19 Dicembre 2018 di Antonio Falconio Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Evitata la procedura di infrazione da parte dell’Ue, dopo l’intesa faticosamente raggiunta sulla nuova formulazione della manovra finanziaria da parte del nostro governo. Sono così scongiurati nuovi rischi per la nostra economia, che da un no della commissione europea avrebbe potuto subirne di molto seri, sia per la reazione negativa che ne sarebbe derivata dai mercati, sia per ulteriori manovre della speculazione internazionale. L’accrdo la cui applicazione sarà valutata a gennaio da Bruxelles , dovrà ora ottenere l’approvazione sia del Senato, dove già è aperta la discussione, sia dalla Camera, in considerazione delle notevoli modifiche al testo a suo tempo approvato a Montecitorio; i tempi dovranno essere necessariamente rapidi per evitare l’esercizio provvisorio ed è perciò previsto il ricorso al voto di fiducia che probabilmente avverrà su un maxi emendamento del governo al primitivo testo della manovra. Viene da chiedersi quanto , alla luce di quel che è avvenuto sarebbe stato meglio valutare, fin dall’inizio, con la commissione europea, la fisionomia e i contenuti della manovra, evitando il galoppare dello spread fra i nostri titoli di stato e quelli tedeschi e le incursioni degli speculatori che hanno causato danni, per fortuna contenuti. Già da oggi sono infatti visibili i segni di un arretramento delle manovre negative sui mercati, con nuova pace degli economisti improvvisati, delle file, soprattutto del M5S che avevano teorizzato come possibile e indolore la linea dello scontro con l’Ue. La lezione che se ne può trarre è semplice: l’Italia non può fare a meno dell’Europa come quest’ultima non può fare a meno del nostro Paese, inoltre è evidente che il dialogo vince sullo scontro e la solidarietà con altri paesi fa premio sull’isolamento.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30