Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePoliticaMeloni: "Attendiamo nome premier, no a 'scatole chiuse'"

Meloni: "Attendiamo nome premier, no a 'scatole chiuse'" In evidenza

Pubblicato in Politica
17 Maggio 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Attendiamo di capire complessivamente di cosa si stia parlando. Noi abbiamo posto, come si sa, alcune questioni perché non partecipiamo, a 'scatole chiuse'. La prima questione che abbiamo posto, che non è secondaria, è conoscere il nome del Presidente del Consiglio, che in un Governo e' colui che indirizza le politiche dell'esecutivo e stabilisce le priorità". Cosi' il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, a Catania, dove sono in programma alcune iniziative elettorali in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno prossimo. "Ho letto tante e tante pagine di programmi molto complessi - aggiunge - ma poi e' il presidente del Consiglio che stabilisce effettivamente che cosa si faccia e in che tempi lo si faccia e ho chiesto di avere alcune risposte sui programmi. Alcune di quelle nostre richieste mancano nei testi che ho letto, ma aspetto di leggere quelli definitivi". "Mi dispiace soprattutto che manchi il Sud - sottolinea Giorgia Meloni -, mi spiace che non ci sia alcun riferimento alla nostra storica proposta di un riequilibrio delle risorse sulle infrastrutture, oggi molto squilibrato verso il CentroNord. E anche per quella che qui e' la più grande delle richieste, il tema del lavoro, ci sono solo tre righe e c'e' molto sull'assistenzialismo. Se i 17 miliardi di euro che si vogliono investire sul reddito di cittadinanza - conclude - si investissero sulle imprese che assumono, probabilmente si darebbe ai cittadini un futuro di dignità che l'assistenza difficilmente genera".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30