Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePoliticaToti: "Serve chiarezza, Lega deve traghettarci verso voto"

Toti: "Serve chiarezza, Lega deve traghettarci verso voto" In evidenza

Pubblicato in Politica
16 Maggio 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"L'ipotesi di votare tra pochi mesi è pericolosa, e quella di andare alle urne addirittura in estate era grottesca". Lo ribadisce Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria e consigliere politico di Silvio Berlusconi, in un'intervista al Corriere della Sera. Per Toti "è il momento di essere chiari su alcuni punti. Il primo e' il programma: Lega e M5S partono da posizioni molto lontane, che non sono compatibili o lo sono molto difficilmente. Noi siamo per le grandi opere, la defiscalizzazione, il salvataggio della siderurgia, la banda larga, una giustizia più veloce, loro fanno tintinnare le manette sul fisco, hanno una furia iconoclasta verso opere pubbliche che servono al Paese, pensano alla decrescita felice. Vedremo quale sarà la sintesi, e anche come sarà presentata. La narrazione di questo governo deve essere chiara da parte della Lega. Si deve dire che è un governo di traghettamento, che nasce da uno stato di necessita', che servirà un nuovo voto e una nuova legge elettorale per poi ripartire con la coalizione di centrodestra. Non si deve dare l'impressione che sia nato un nuovo asse politico, che ci sia una sorta d infatuazione per un nuovo scenario", prosegue il governatore toscano, che alla domanda se chieda un governo a tempo risponde: "No a date di scadenza. Ci sono cose da fare e si vedrà in quali tempi, ma ripeto: questo non è un governo nato dalle urne, e la nostra benevolenza critica puo' esistere solo nella chiarezza".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30