Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePoliticaToti: «In Forza Italia schemi vecchi, serve nuova forza moderata»

Toti: «In Forza Italia schemi vecchi, serve nuova forza moderata» In evidenza

Pubblicato in Politica
14 Marzo 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Io ho sempre auspicato come obiettivo finale la nascita di un partito unico del centrodestra. Ma se riusciremo a costruirlo, l'area moderata della quale io mi sento parte dovra' arrivarci rinnovata, forte, preparata, con una classe dirigente nuova e radicata. Quella che purtroppo in molti casi in queste elezioni nelle nostre liste e' mancata". Lo afferma in un'intervista al Corriere della Sera il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, consigliere politico di Silvio Berlusconi. A una domanda su quale sia stata la causa del risultato negativo di Forza Italia, Toti risponde cosi': "Per prima cosa vorrei sinceramente ringraziare Silvio Berlusconi per la campagna generosa, coraggiosa — perche' ci ha messo la faccia — che ha voluto fare fino in fondo. La Lega era meglio posizionata con il suo messaggio, avendo individuato da tempo i temi caldi, dalla paura per la situazione economica alla sicurezza, all'immigrazione, alla disoccupazione. Ma ha anche valorizzato la propria classe dirigente locale: sindaci, assessori, amministratori hanno fatto squadra con Salvini sul territorio e hanno parlato coralmente. Noi non abbiamo fatto lo stesso percorso. Ci sono state troppe rese dei conti, si e' ristretto ancor di piu' il circolo dei decisori politici, non c'e' stato alcun coinvolgimento del territorio. Io sono stato tra i pochi ad aver portato vittorie al partito — la mia elezione, le vittorie a Genova, Savona, La Spezia —, non sono stato neanche consultato sulle candidature, i candidati che avevamo selezionato sono stati bocciati con criteri non comprensibili e arbitrari. E non credo sia successo solo in Liguria. Anche la scelta di non candidare europarlamentari che ci avrebbero fatto vincere qualche collegio e' stata sbagliata". Berlusconi dovrebbe fare un passo indietro? "Deve decidere lui, perche' questo e' il suo partito, perche' la storia di Forza Italia e' la sua - risponde Toti -. Nessuno vuole fare golpe o strappargli lo scettro. E io mi aspetto proprio da lui, che e' stato un grande visionario della politica, la visione di una nuova politica e il rigetto di operazioni di palazzo, di e'lite, in difesa, che non guardano al futuro".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30