Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePoliticaUe, Eurozona è paziente in coma

Ue, Eurozona è paziente in coma In evidenza

Pubblicato in Politica
14 Febbraio 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Draghi ha finito le cartucce in suo possesso e sta tenendo un paziente in coma farmacologico, e quando stacchera' la spina succederanno dei disastri". Lo ha detto Marco Zanni (Indipendente ex M5S) il giorno dopo l'incontro con Mario Draghi sulla relazione sulla BCE nel 2016. "Draghi mi e' parso un po' in difficolta' - ha continuato Zanni -. Non ha detto nulla di nuovo, provando a rassicurare i mercati dicendo che i tassi rimarranno bassi ma non evidenziando la realta': l'eurozona e' sempre piu' divergente dal punto di vista macroeconomico". Zanni ritiene che quello dell'eurozona sia un problema strutturale, dal momento che si adatta una politica monetaria comune a molti paesi diversi tra loro. "I risultati si cedono in termini di crescita, in termini di occupazione e di inflazione" ha spiegato. E ha continuato: "un benchmark che puo' dare l'idea di questo pericolo e' che oggi i titoli di corporate europee con rating non investment grade hanno un tasso di rendimento sui 5 anni pari a quello di un titolo di stato americano con la stessa scadenza". "Il problema oggi sono le divergenze dell'eurozona non sanabili con un'unica politica monetaria", ha concluso.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30