Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePoliticaLicata, sficuciato sindaco anti-abusivi

Licata, sficuciato sindaco anti-abusivi In evidenza

Pubblicato in Politica
11 Agosto 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il consiglio comunale di Licata ha sfiduciato il sindaco«antiabusivismo Angelo Cambiano. Al primo cittadino avevano dato anche l'appellativo di«demolitore» per la fermezza che aveva messo nel far abbattere le case dei suoi concittadini giudicate abusive da sentenze definitive. Sedici i consiglieri che avevano sottoscritto la mozione di sfiducia nei suoi confronti. Erano necessari 20 voti e ne sono sono arrivati 21. Cambiano ha anche subito minacce e intimidazioni, gli sono state incendiate due case di famiglia e vive sotto scorta. Un caso che ha molte affinità con il film di Ficarra e Picone«L'ora legale»e gli stessi due comici qualche giorno fa avevano evidenziato in un twitter l'analogia commentando la mozione di sfiducia. «Ringrazio quanti hanno creduto in me e mi hanno sostenuto in questi due anni - scrive Cambiano su facebook - Ringrazio quanti hanno lavorato non per la città ma per la sfiducia dal giorno dopo le elezioni: anche loro mi hanno spinto a fare sempre di più! Auguro a questa città, la mia città che un giorno possa finalmente avere una politica degna che non sia fatta di vincitori o di vinti ma di persone che sappiano lavorare fianco a fianco per la città mettendosi al servizio della città e non servendosi di essa. È stato difficile essere Sindaco di una città tanto problematica ma è stato al contempo un vero onore per me».«Io e la mia amministrazione ci abbiamo messo impegno, dedizione e passione. Ma quanto accaduto dimostra che la politica delle 'promessé e dei tornacontismi alla fine resta sempre in piedi. Da giovane Licatese questo è quanto mi amareggia di più».

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni