Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePoliticaCentrodestra, Berlusconi: «È maggioranza naturale, tornerà a vincere»

Centrodestra, Berlusconi: «È maggioranza naturale, tornerà a vincere» In evidenza

Pubblicato in Politica
18 Luglio 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"La crisi della politica nasce proprio dal fatto che i partiti si sono chiusi in se stessi, a difesa di un piccolo numero di professionisti della politica che perseguono soltanto i propri interessi e la propria sopravvivenza. Il centro-destra e' la maggioranza naturale in Italia e in Campania. Tornera' a vincere proprio cambiando questo modo di intendere la politica, rivolgendosi ai tanti italiani che oggi ne sono lontani, delusi, disgustati, rassegnati. Questo rifiuto della politica, assolutamente giustificato, si traduce nel voto di protesta a sostegno dei Cinque Stelle, oppure nell'astensionismo. Due pericoli diversi ma altrettanto gravi per la nostra democrazia". Lo scrive il presidente di Forza Italia, Silvio BERLUSCONI, in un mesaggio inviato agli organizzatori dell'iniziativa "Liberta'. Merito. Diritti. Verso gli Stati generali del centrodestra in Campania". "Noi abbiamo il dovere e la possibilita' di riportare a casa quel voto, offrendo agli italiani delusi, scoraggiati, impauriti, agli italiani che da anni sono guidati da governi che non hanno mai potuto scegliere, un'alternativa vera, seria, affidabile - prosegue BERLUSCONI -. Dobbiamo proporre progetti concreti e verificabili, che devono camminare sulle gambe di persone serie, oneste, capaci, di conclamata efficienza, persone che hanno saputo dimostrare nella loro vita di lavoro quello che sanno fare. Questo e' ancora piu' importante proprio in una realta' come la Campania".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni