Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePoliticaDef, Renzi: «C'è un bel tesoretto»

Def, Renzi: «C'è un bel tesoretto» In evidenza

Pubblicato in Politica
20 Aprile 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Giusto per orientarsi nel mare di bugie (pardon, adesso vanno chiamate post-verità o fake news) che sono uscite in questi mesi, dopo che il Governo ha approvato martedì scorso il DEF, possiamo finalmente dire che non c’è nessun aumento di IVA, né della benzina, né dello zucchero. L’ultima volta che in Italia è aumentata l’IVA risale al 1° ottobre 2013, un altro governo. Noi le tasse non le aumentiamo. E il Governo Gentiloni ha scelto la stessa strategia. Anche per il futuro, a giudicare da quello che c’è scritto nel DEF. Il PD non è più il partito delle tasse, abbiamo davvero rottamato Dracula". Lo scrive Matteo Renzi nella sua e-News. "Non c’è nessun buco di Bilancio, ma un bel tesoretto. Il Governo ha scelto di aderire alla richiesta europea di ulteriore riduzione del deficit, una delle tante richieste che vengono fatte a cadenza annuale nelle consuete trattative tra Bruxelles e le varie capitali. Normale amministrazione - prosegue l'ex premier e candidato alla segreteria del Pd -. I soldi necessari vengono da provvedimenti ideati in passato (rottamazione Equitalia e split payment su tutti): non abbiamo lasciato nessun buco. Abbiamo però lasciato molti soldi per i principali provvedimenti di cui l’Italia ha bisogno". "Su tutti il fondo da 47 miliardi di euro - che abbiamo costruito nella Legge di Bilancio e voluto come DPCM, cioè come Presidenza - per gli investimenti che il Presidente Gentiloni firmerà nei prossimi giorni. Sintesi giornalistica: abbiamo lasciato un tesoretto, non un buco. E il tesoretto - non il buco - contiene anche le risorse per affrontare le tre emergenze sociali, le tre P: pensioni, periferie, povertà - conclude Renzi -. Sono tre settori su cui il Governo dei mille giorni ha lasciato i fondi e adesso si tratta solo di far partire concretamente gli interventi. Sulle periferie già si sono firmati gli accordi, sulla povertà venerdì scorso Poletti ha annunciato il decreto che costituisce un importante passo in avanti. Sulle pensioni è di stamani la firma del Presidente Gentiloni sulla cosiddetta APE, l’anticipo pensionistico".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni