Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePoliticaAlfano lancia Alternativa Popolare

Alfano lancia Alternativa Popolare In evidenza

Pubblicato in Politica
20 Marzo 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
“Noi siamo qui per voltare pagina, siamo chiamati a organizzare un movimento politico e ripartire pur non essendoci mai fermati”. Così il presidente di Ncd, Angelino Alfano, aprendo i lavori della Assemblea del partito che lancia il nuovo simbolo Alternativa Popolare. “Noi non abbiamo né giornali né televisioni che ci sostengono, ma solo il calore degli amici che ci hanno sostenuto”, ha aggiunto il ministro degli Esteri. “Noi abbiamo tenuto sulle spalle tutto il peso della maggioranza, perché chi non aveva la forza per aggredire il Pd ha aggredito gli alleati, ha aggredito noi, che abbiamo resistito”, ha proseguito Alfano. “Noi siamo i popolari, sappiamo benissimo a chi siamo alternativi. Siamo alternativi a chi oggi dice solo vaffa, a chi ha in mente solo la ruspa, a chi vuole lasciare l'Europa, siamo alternativi a chi fomenta l'odio e il rancore sociale come surrogato della lotta di classe”, ha sottolineato il ministro. “Noi siamo alternativi a chi urla e dice sempre no, a chi non si prende cura della nostra Repubblica – ha aggiunto -, a chi confonde la giustizia con il giustizialismo, ai sindacati e a chi finge di difendere i lavoratori e crea disoccupazione, e lo dico nel post voucher”. “Noi saremo il voto utile all'Italia e agli italiani, perché siamo portatori di un programma netto e chiaro su alcune questioni”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Edizione Cartacea

laDiscussione - Edizione Cartacea

Per avere accesso alla versione in PDF dell'edizione cartecea de laDiscussione, è necessario possedere un abbonamento in corso di validità




X

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni