Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePoliticaUn’italia senza nascite.

Un’italia senza nascite. In evidenza

Pubblicato in Politica
01 Settembre 2016 di Antonio Falconio Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)

Più che le sofferenze dell’economia a provocare una tempesta sul web è stata l’iniziativa del Ministero della Sanità, di cui è titolare Beatrice Lorenzin, di promuovere una campagna per la natalità, che, stando alle statistiche, ci vede agli ultimi posti in Europa.

Il basso tasso di natalità in Italia però, più che legato ad una scarsa prevenzione delle patologie connesse, è soprattutto dovuto ad un dato che esula dalle competenze del Ministro e cioè alle stringenti difficoltà, per le giovani coppie, di accedere ad un lavoro retribuito e una decente abitazione. Il problema comunque esiste ed è drammatico perché non c’è futuro per una società che invecchia velocemente, quale la nostra.

Certamente non incoraggiano alla maternità e alla costituzione di una famiglia gli ultimi dati dell’ISTAT su un’economia stagnante, più della media UE, e alla quota, ancora molto alta, non solo di disoccupazione giovanile, ma di inattivi, cioè di ragazzi che hanno rinunciato a cercare lavoro e a lottare. Ma c’è anche da considerare come i modelli di vita e di comportamento più diffusi scoraggino o disincentivino ogni scelta in direzione della famiglia: un obiettivo che resta fondamentale, anche se non è nelle convinzioni di coloro che, a prescindere dal merito e dalle forme della campagna ministeriale, vi hanno letto nostalgie di un fascismo inesistente.

 

 

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni