Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomePolitica

Rotondi: «Attento Matteo, il nome secco per il Colle potrebbe restarci secco» In evidenza

Pubblicato in Politica
Scritto da Antonio Bifano il Lunedì, 26 Gennaio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
Mancano tre giorni alla prima votazione per l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica. La tentazione renziana di annunciare solo un nome per il Colle, trova dubbi in chi conosce la politica da diversi anni. Il Presidente del Consiglio dei Ministri Ombra, Gianfranco Rotondi, posta su twitter un consiglio per il Matteo Renzi. «Attento al nome secco, Matteo. - twetta Rotondi - Potrebbe restarci secco». L'ideatore della Cosa Bianca invita il premier a una gestione «morotea» dell'elezione. E non servono analisti o filologi per comprendere il senso del consiglio.
Vota questo articolo
(3 Voti)
Gianfranco Rotondi convoca il 'Parlamento virtuale e lancia la "Cosa bianca". Quarantasettemila sono gli iscritti alla piattaforma internet (www.parlamentovirtuale.it) e 1000 i cittadini-deputati che si incontreranno il 6, 7 e 8 febbraio a Roma al Centro Congressi Parco Tirreno sull'Aurelia, riferiscono i fedelissimi dell'ex ministro del governo Berlusconi e attuale deputato di Forza Italia. Sul tavolo i principali temi di attualità politica, a cominciare dal nodo del Quirinale, che si intreccia con la partita delle riforme e il futuro del centrodestra. Un meetup in versione trasversale,«con un occhio a destra e uno a sinistra, passando per il centro» assicurano i…

Una vigilia tormentata In evidenza

Pubblicato in Politica
Scritto da Giampiero Catone il Venerdì, 23 Gennaio 2015
Vota questo articolo
(1 Vota)
Siamo ormai vicini, mancano solo sei giorni, alla riunione delle due Camere e dei rappresentanti delle Regioni per eleggere il nuovo Capo dello Stato: un appuntamento di primaria importanza al quale però si arriva in un quadro di sfilacciamento e di corrosione sia dei gruppi del Pd, partito di maggioranza relativa, sia di Fi, dove Fitto contesta apertamente le più recenti scelte di Berlusconi. La situazione più complessa è quella però del Pd, dove si allarga il solco, fra polemiche ed accuse, fra maggioranza e minoranza e si appalesa il timore che, in mancanza di una svolta chiarificatrice, gli scrutini…

Berlusconi-Alfano: dialogo per scelta Capo dello Stato In evidenza

Pubblicato in Politica
Scritto da Federico Tedeschini il Venerdì, 23 Gennaio 2015
Vota questo articolo
(1 Vota)
Quirinale e Rifome tengono banco nei lavori parlamentari. Il riavvicinamento tra il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, e quello di Ncd, Angelino Alfano, apre nuovi scenari nella scelta del nuovo Capo dello Stato. Il Presidente del Consiglio dei Ministri Ombra, Gianfranco Rotondi, spiega cosa, secondo lui, ha portato un ritorno di dialogo tra Berlusconi ed Alfano. «La consapevolezza che se non si mettono insieme sul Quirinale Renzi se li mangia. Il riavvicinamento andrà oltre l'elezione del Capo dello Stato».«Naturalmente - continua Rotondi- se in politica c'è il disgelo poi si apre una fase nuova. Ed io sono tra i…

Governo alla prova del fuoco In evidenza

Pubblicato in Politica
Scritto da Giampiero Catone il Mercoledì, 21 Gennaio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
E' proprio accidentato il percorso verso l'appuntamento del 29 gennaio, quello per il Quirinale. Un percorso che si incrocia con due passaggi molto delicati: quelli dell'approvazione della legge elettorale e delle riforme costituzionali che impegnano rispettivamente Senato e Camera. Su entrambi pesa l'interrogativo sulla tenuta, in primo luogo, dei gruppi del Partito Democratico, dove c'è un'area del dissenso che potrebbe dare un segnale di forza saldandosi con eventuali dissidenti delle altre forze della maggioranza di programma, ivi compresa Forza Italia. Oggi, Renzi ha fatto votare sulla legge elettorale il suo gruppo al Senato, l'esito è stato favorevole: hanno votato Sì…
La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30