Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeLavoroPoste Italiane, debutta lo smart working

Poste Italiane, debutta lo smart working In evidenza

Pubblicato in Lavoro
24 Gennaio 2019 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sottoscritto un innovativo accordo in materia di lavoro agile in Poste Italiane. Ne dà notizia il Segretario Generale SLP- CISL POSTE, Luca Burgalassi “Oggi abbiamo siglato un importante protocollo sulla sperimentazione dello smart working in Poste Italiane. In questa prima fase potranno accedere volontariamente circa 400 lavoratori appartenenti alle strutture direzionali centrali” continua Burgalassi “Una sperimentazione che Poste Italiane e Sindacato hanno condiviso identificando nel lavoro agile uno strumento di welfare contrattuale che permette di migliorare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro (work-life balance), attraverso il coinvolgimento dei lavoratori in termini di autonomia e di responsabilizzazione sui risultati, all’interno di un rapporto fiduciario tra lavoratore e diretti responsabili aziendali”. La sperimentazione avrà durata dal 24.1.2019 al 31.3.2020. Il lavoro agile potrà essere richiesto dai lavoratori a tempo indeterminato, anche part-time, tramite accordo individuale tra azienda e lavoratore. Avranno priorità di accesso le lavoratrici che concludono il periodo di maternità e i lavoratori con figli in condizioni di disabilità. La prestazione di lavoro agile sarà di 1 giorno a settimana. In queste giornate sarà espressamente escluso il ricorso allo straordinario. Esaurita la prestazione giornaliera il lavoratore potrà disconnettere il proprio pc. La prestazione lavorativa potrà essere svolta nel proprio domicilio/residenza o in altro ufficio della Società rispetto a quello di abituale assegnazione. Sono previsti focus specifici sulla Sicurezza sul Lavoro e sulla formazione in merito ai principi e alle modalità operative di funzionamento del Lavoro Agile. L’andamento e il gradimento della sperimentazione saranno monitorati attraverso questionari volontari ed anonimi. Infine, entro il 31.12. 2019 le parti si rivedranno per siglare un accordo definitivo. Burgalassi “Nell’accordo sono state garantite le medesime condizioni economiche e normative di chi lavora in azienda definite dal CCNL di Poste Italiane: orario di lavoro, corresponsione regolare dei buoni pasto, premi di risultato, infortuni, diritti sindacali.” conclude il Segretario della CISL POSTE “Esprimiamo soddisfazione per un accordo che interpreta i cambiamenti del mondo del lavoro alla luce delle innovazioni digitali e delle esigenze dei lavoratori. Una forma di flessibilità frutto del dialogo intenso tra Sindacati e Poste, indicativo di relazioni industriali sempre più partecipative.”

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30