Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeLavoroScuola: precariato, Anief "Risolvere pasticcio, riaprire le GaE"

Scuola: precariato, Anief "Risolvere pasticcio, riaprire le GaE" In evidenza

Pubblicato in Lavoro
13 Maggio 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Per risolvere quest'ennesimo pasticcio, Anief si e' rivolta agli uomini che hanno in mano le sorti della politica italiana, indicando loro una proposta di decreto legge urgente, la cui essenza e' stata introdotta nell'interrogazione urgente di Fratelli d'Italia della ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli, finalizzata proprio a chiedere la riapertura urgente delle GaE e risolvere in questo modo la spinosa questione. Parallelamente, il nostro sindacato ha impugnato la suddetta sentenza della Plenaria in Cassazione, ha presentato ricorso alla Cedu, oltre a denunciare l'ingiustizia alla Commissione di petizione del parlamento UE e al Consiglio d'Europa. La richiesta da noi formulata e' molto semplice: occorre adottare, prima del prossimo 30 giugno, un decreto legge che riapra per la terza volta le Gae, inserendovi dentro tutto il personale abilitato e confermando nei ruoli i neo-assunti". Cosi' il presidente del sindacato, Marcello Pacifico, in merito al tema del precariato e l'esclusione dei maestri con diploma magistrale dalle GaE. Andando oltre al problema dei diplomati magistrale, che in questo momento rimane l'emergenza da risolvere, Anief ha anche predisposto un piano per tutelare l'interesse di tutti i precari abilitati: "per fare questo - spiega ancora il sindacalista - basterebbe intervenire sulle graduatorie d'istituto. In questo modo non si creerebbero discriminazioni o ingiustizie. La nostra proposta, a questo proposito, e' stata di recente illustrata in una seconda proposta che prevede appunto la trasformazione delle graduatorie di istituto in permanenti provinciali, nonche' il loro utilizzo ai fini del reclutamento e l'accorpamento della prima e seconda fascia d'istituto, subordinata a quella della riapertura delle graduatorie ad esaurimento, che rimane comunque la strada primaria da seguire".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30