Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeLavoroDivario salariale uomini-donne, Furlan: «Inaccettabile»

Divario salariale uomini-donne, Furlan: «Inaccettabile» In evidenza

Pubblicato in Lavoro
21 Gennaio 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Sono dati che dovrebbero far riflettere tutti. Le donne continuano a essere l'anello debole del mondo del lavoro. Una situazione davvero inaccettabile". Cosi' la leader della Cisl, Annamaria Furlan, commenta i dati dell'Onu sul divario salariale tra uomini e donne. "E' un tema su cui il sindacato a livello internazionale deve fare di piu' ponendo in tutti i consessi di affrontare il tema del divario salariale e di una migliore conciliazione tra il lavoro delle donne e la cura della famiglia - aggiunge -. Anche se va detto che nel nostro Paese abbiamo fatto passi avanti negli ultimi anni attraverso la diffusione della contrattazione a tutti i livelli. Dobbiamo garantire alle donne che lavorano reali politiche attive di valorizzazione e di promozione. Piu' sviluppo professionale anche a chi come le donne deve in molti momenti della loro vita conciliare il lavoro con la cura delle persone. Con i contratti stiamo puntando molto sul welfare aziendale, negoziando cose concrete: assistenza sanitaria integrativa, bonus economici per ogni bambino nato, nidi aziendali, una maggior flessibilita' dell'orario di lavoro, piu' telelavoro, piu' formazione. Ma anche lo stato dovrebbe fare di piu' con interventi fiscali mirati per ridurre il divario salariale tra uomini e donne, come fanno altri paesi europei. Su questo siamo molto in ritardo". "Se anche chi si assenta per maternita' o effettua orari a part time per la cura dei figli non venisse considerato come spesso accade una lavoratrice residuale ma una risorsa su cui continua ad investire, si attenuerebbero - sottolinea Furlan - i differenziali ingiustificati dei salari. Il 12% della forza lavoro in Italia e' costretta ad un lavoro part time in modo involontario. Si tratta per lo piu' di donne per le quali servirebbero nuove politiche di rafforzamento occupazionale o di integrazione salariale se costrette ad orari settimanali troppo bassi vicini alla quasi disoccupazione".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30