Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeLavoroMattarella: «Creare lavoro, priorità a tutti i livelli di Governo»

Mattarella: «Creare lavoro, priorità a tutti i livelli di Governo» In evidenza

Pubblicato in Lavoro
01 Dicembre 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Abbiamo grande bisogno di pensare al domani. La nostra unita' civile - che inizia appunto dalla solidarieta' tra le generazioni - rappresenta una risorsa essenziale per il presente e per l'avvenire: a questa unita' i giovani devono poter accedere e contribuire con la loro liberta' e con il loro talento. Non dobbiamo mai smettere di chiederci cosa possiamo fare di piu' per aprire le porte ai giovani e sottrarli al rischio di marginalita'". Cosi' il presidente della Repubblica, Sergio MATTARELLA, nel corso della cerimonia al Qurinale per la consegna delle insegne di Cavaliere dell'ordine al merito del lavoro. "Questo periodo registra una ripresa economica dai ritmi piu' sostenuti. In Italia e in Europa. Dobbiamo partire da qui. E' un risultato a cui miravamo, ma - ha aggiunto - non possiamo sentirci appagati. Gli indicatori segnalano una crescita delle opportunita': dobbiamo fare in modo di non farcele sfuggire. Sono migliorati i livelli occupazionali e il mercato del lavoro - nel suo insieme - suscita ulteriori attese positive. La crescita del Pil e' migliore delle previsioni. La ripresa, tuttavia, non ha ancora ben inciso sugli squilibri creati dalla crisi, che vanno affrontati e colmati. Sono i nostri giovani ad avere pagato in misura maggiore il prezzo della crisi. Allo storico - e sempre piu' intollerabile - deficit di occupazione femminile, si sovrappone una grave difficolta' all'ingresso dei giovani nel mercato del lavoro".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni