Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEuropaLavori per Ue più forte, chance Italia

Lavori per Ue più forte, chance Italia In evidenza

Pubblicato in Europa
29 Gennaio 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
L'Europa in questi ultimi mesi e' tornata decisamente di moda, fra l'insorgere di arrabbiati populismi e il fortissimo rilancio del sostegno alle istituzioni comunitarie da parte dei Paesi piu' forti. La questione europea e' stata al centro del dibattito politico che ha portato alle urne nel 2017 quattro paesi come Germania, Francia, Olanda, Austria. Lo scontro si e' giocato sul terreno aperto, senza sconti, in una contesa elettorale che ha messo su fronti opposti schieramenti pro e contro Europa. I tutti questi casi i sovranisti hanno perso, battuti sulla loro proposta di distacco o di forte affievolimento dell'impegno europeo. Ma abbiamo anche registrato, nel paese senza euro, la sconfitta del governo inglese che in Europa voleva rimanere. Ma la campagna che ha portato a Brexit ha visto troppi tentennamenti e distinguo da chi voleva mantenere Londra nel consesso comunitario. E anche in Germania, dove Angela Merkel ha vinto la competizione, il partito perdente di Martin Schulz si e' dichiarato europeista, auspicando addirittura la nascita degli Stati Uniti d'Europa entro il 2025. E' di pochi giorni fa la forte rinnovata intesa franco tedesca, che con il nuovo Patto di Versailles hanno rafforzato la loro alleanza per guidare il continente e varare efficaci riforme per dare nuovo impulso alla UE. In questa situazione di ritrovata spinta comunitaria arrivano le elezioni italiane che, come nelle altre situazioni, mettono al centro della campagna elettorale la nostra appartenenza europea, con diversi gradi di coinvolgimento.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30