Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEuropa

Ue, Comi: «Incentivare le donne a fare impresa» In evidenza

Pubblicato in Europa
Scritto da Redazione il Giovedì, 28 Dicembre 2017
Vota questo articolo
(0 Voti)
Supportare l'imprenditorialita' femminile perche' le donne "hanno una marcia in piu' e lo hanno dimostrato". Per l'europarlamentare Lara Comi (Forza Italia) "questo e' quello che avanziamo da anni qui al Parlamento europeo, ovvero incentivare le donne a fare impresa, diventare imprenditrici perche' hanno una marcia in piu' e lo hanno dimostrato". Questo avviene "attraverso una promozione del made in Italy" ma nello stesso tempo "anche con l'utilizzo di fondi europei destinati proprio alla imprenditorialita' femminile. Dobbiamo pero' spenderli questi soldi - sottolinea l'eurodeputata di Forza Italia - e dobbiamo comunicare il piu' possibile che c'e' una fast track e una…

Ue, Gentiloni: «Su unione economica e monetaria momento di spingere» In evidenza

Pubblicato in Europa
Scritto da Redazione il Sabato, 16 Dicembre 2017
Vota questo articolo
(0 Voti)
Bisogna lavorare per cercare un consenso sulla redistribuzione dei migranti, ma se non ci si arriva entro il 2018 allora bisognera' procedere a maggioranza qualificata. Sulla Brexit non vanno fatti sconti ai britannici, sul completamento dell'Unione economica e monetaria "e' il momento di spingere", perche' altrimenti si rischia "un'occasione mancata" per l'Europa. E' un fiume in piena il presidente del Consiglio. Paolo GENTILONI nella tradizionale conferenza di fine Consiglio europeo fa il punto della due giorni di summit. Probabilmente l'ultimo, perche', annuncia, non si ricandidera' per guidare il prossimo esecutivo: "La mia missione e' il completamento ordinato della legislatura e…

Brexit, via libera per fase due, ma Italia non farà regali In evidenza

Pubblicato in Europa
Scritto da Adriano Tortora il Sabato, 16 Dicembre 2017
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Il Consiglio europeo ha deciso poco fa di approvare l'intesa fra la Commissione e il governo britannico, che di fatto avvia una seconda fase del processo di separazione del Regno Unito dall'Ue, che si concluderà il 29 marzo 2019". Così il premier Paolo Gentiloni, in conferenza stampa al termine del Consiglio Ue. "È un'intesa abbastanza consistente, non una stretta di mano, un documento che affronta moltissime questioni e tuttavia credo che nessuno si nasconda il fatto che la seconda fase che inizia adesso sarà molto complicata.{akeebasubs !*}Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per…

Oggi e venerdì Presidente del Consiglio a Bruxelles In evidenza

Pubblicato in Europa
Scritto da Redazione il Giovedì, 14 Dicembre 2017
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il presidente del Consiglio Paolo GENTILONI sara' domani e venerdi' 15 dicembre a Bruxelles. Ecco gli appuntamenti previsti, secondo quanto rende noto Palazzo Chigi. Giovedi' 14 dicembre: ore 11.15 incontro con i Paesi Visegrad (Palazzo Europa); ore 12.30 riunione dei leader del Partito Socialista Europeo (Albert Hall); ore 15.30 Consiglio Europeo. Venerdi' 15 dicembre: ore 9 arrivo al Palazzo Justus Lipsius per la seconda giornata del Consiglio Europeo.

Ue, Gentiloni: «Ministro Finanze lavori su crescita, no controllore conti» In evidenza

Pubblicato in Europa
Scritto da Redazione il Mercoledì, 13 Dicembre 2017
Vota questo articolo
(0 Voti)
"E' decisivo che si crei un meccanismo comunitario di riserva dell'Unione bancaria. Bene l'idea di un ministro europeo delle Finanze, ma a condizione che il suo compito sia lavorare per la convergenza dell'economia europea, per la crescita e non certo trasformarsi in una specie di controllore della contabilita' delle economie di questo o quel Paese, preferibilmente dell'Europa meridionale. Questo ci farebbe dire no grazie". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, nell'informativa in Senato alla vigilia del Consiglio Europeo.
La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30