Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEsteri

Attentato Charlie Hebdo: i due ricercati sono barricati a Crepy-en-valois

Pubblicato in Esteri
Scritto da Elisa Angelini il Giovedì, 08 Gennaio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
I fratelli franco-algerini Cherif e Said Kouachi, 32 e 34 anni, ricercati per l'attentato di ieri al Charlie Hebdo di Parigi, si sarebbero barricati in un appartamento di Crepy-en-valois, città a 70 km a nordest di Parigi. A riferirlo il sito France 3 Picardia. Intorno all'area si sarebbe, fin da subito, dispiegato un importante dispositivo di sicurezza. I due ricercati avrebbero abbandonato la macchina sulla quale viaggiavano, una Clio grigia con la targa nascosta, colma di kalashnikov e lanciarazzi. I terroristi sono stati avvistati dal gestore di una pompa di benzina sulla strada nazionale RN2, all'altezza di Villers-Cotteret (Picardia), direzione…

Altra sparatoria nelle strade di Parigi

Pubblicato in Esteri
Scritto da Elisa Angelini il Giovedì, 08 Gennaio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
Questa mattina, intorno alle 8, un'altra sparatoria ha insanguinato le strade di Parigi, precisamente a Montrouge, a sud della Capitale. Non ci sarebbero legami con l'attacco terroristico avvenuto ieri, tutto avrebbe avuto origine con un incidente stradale. Mentre i poliziotti procedevano con controlli, una Clio bianca si è fermata a poca distanza, un uomo, di origine nordafricana, ha estratto dal veicolo un mitra ed ha aperto il fuoco contro gli uomini e la donna in divisa. L'aggressore era protetto da un giubetto antiproiettile e si è dato alla fuga in direzione banlieue. Ferita in modo grave la donna poliziotto.

Charlie Hedbo: caccia ai killer in tutta la Francia, si è costituito il più giovane

Pubblicato in Esteri
Scritto da Giovanni Maria Cuofano il Giovedì, 08 Gennaio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
È stata una notte di caccia all'uomo in Francia. Parigi colpita ieri al cuore dall'attentato terroristico al giornale satirico Charlie Hebdo - 12 le vittime - ieri è scesa in piazza per difendere la libertà, con le matite alzate al grido di "je suis Charlie". Il giornale da tempo era nel mirino per aver pubblicato vignette dissacranti su Maometto e la religione islamica. Sarebbero stati identificati gli autori dell'attentato in due fratelli: Said e Cherif di 32 e 34 anni- reduci della guerra in Siria da cui sono tornati in Francia quest'estate. Si è arreso invece nel corso della notte…

Vuoi partorire prematuramente a New York? Paghi 200.000 dollari In evidenza

Pubblicato in Esteri
Scritto da Riccardo Nardini il Sabato, 03 Gennaio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
Un coppia britannica sostiene che gli è stato consegnato un conto di 200.000 dollari da un ospedale, dopo aver viaggiato a New York per una vacanza di cinque giorni, solo per aver messo al mondo un figlio nato prematuro di 11 settimane. Purtroppo, il neonato pesava appena 1 chilo e mezzo circa ed è stato ricoverato presso il reparto di terapia intensiva del Lenox Hill Hospital a New York. Dunque, non solo il danno delle difficoltà notevoli della nascita prematura di Dax, così l'hanno chiamato i suoi genitori, Katie Amos e Lee Johnston del Lincolnshire, ma anche la beffa del…

Cina: 35 morti a Capodanno per il lancio di soldi falsi

Pubblicato in Esteri
Scritto da Elisa Angelini il Venerdì, 02 Gennaio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
Cina. La notte di Capodanno a Shangai si è compiuta la tragedia: 35 persone, principalmente giovani intorno ai 20 anni, sono morte in una ressa durante il conto alla rovescia di mezzanotte. Il motivo del massacro sarebbe stato il lancio di banconote false, dal terzo piano di un edificio che si affaccia sul lungofiume, dove si erano affollate circa 300mila persone. Testimoni raccontano: «I gradini erano pieni di gente, siamo stati presi nel mezzo e abbiamo visto che delle ragazze cadevano per terra. Il caos è durato una dozzina di miCina: nuti». 
La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni