Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEconomiaVisualizza articoli per tag: eni
Lunedì, 20 Marzo 2017 06:00

Profumo a Leonardo, conferme Eni ed Enel

Alessandro Profumo subentra a Mauro Moretti in Leonardo (ex Finmeccanica), Bianca Maria Farina e Matteo Del Fante approdano a Poste Italiane, sostituendo Luisa Todini e Francesco Caio, mentre vengono confermati i vertici di Eni ed Enel e per Enav vengono indicati Roberto Scaramella e Roberta Neri. Il ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato le liste che verranno depositate per il rinnovo degli organi sociali delle partecipate, che avverrà con le prossime assemblee degli azionisti per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2016. Enav Per l’assemblea degli azionisti di Enav S.p.A., convocata per il 28 aprile 2017, il ministero, titolare del 53,37% del capitale, depositerà questa lista per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione: 1. Roberto Scaramella, 2. Roberta Neri, 3. Giuseppe Acierno, 4. Maria Teresa Di Matteo, 5. Nicola Maione, 6. Mario Vinzia. Enel Per l'assemblea degli azionisti di Enel S.p.A., convocata per il 4 maggio 2017, il ministero, titolare del 23,58% del capitale, depositerà questa lista per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione: 1. Patrizia Grieco, 2. Francesco Starace, 3. Alfredo Antoniozzi, 4. Alberto Bianchi, 5. Paola Girdinio, 6. Alberto Pera. Eni Per l'assemblea degli azionisti di Eni S.p.A., convocata per il 13 aprile 2017, il ministero, titolare del 4,34% del capitale e per il tramite di Cassa Depositi e Prestiti (partecipata al 82,77% dal MEF) di un ulteriore 25,76%, depositerà queste liste per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale: Cda 1. Emma Marcegaglia, 2. Claudio Descalzi, 3. Andrea Gemma, 4. Diva Moriani, 5. Fabrizio Pagani, 6. Domenico Trombone. Collegio Sindacale 1. Paola Camagni (Sindaco effettivo), 2. Andrea Parolini (Sindaco effettivo), 3. Marco Seracini (Sindaco effettivo), 4. Stefania Bettoni (Sindaco supplente), 5. Stefano Sarubbi (Sindaco supplente). Leonardo Per l'assemblea degli azionisti di Leonardo S.p.A., convocata per il 2 e 16 maggio in sede ordinaria e il 2, 3 e 16 maggio in sede straordinaria, il ministero, titolare del 30,20% del capitale, depositerà questa lista per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione: 1. Giovanni De Gennaro, 2. Alessandro Profumo, 3. Guido Alpa, 4. Luca Bader, 5. Marina Calderone, 6. Marta Dassù, 7. Fabrizio Landi. Poste Italiane Per l’assemblea degli azionisti di Poste Italiane S.p.A., convocata per il 27 aprile 2017, il ministero, titolare del 29,30% del capitale e attraverso Cassa Depositi e Prestiti di una ulteriore quota del 35%, depositerà questa lista per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione: 1. Bianca Maria Farina, 2. Matteo Del Fante, 3. Carlo Cerami, 4. Antonella Guglielmetti, 5. Francesca Isgrò, 6. Roberto Rao. "I nominativi che compongono le liste - spiega il Mef - sono stati individuati secondo una procedura di selezione, svolta - in linea con quanto disposto dalla Direttiva del Ministro dell’economia e delle finanze sulle procedure di individuazione dei componenti degli organi sociali delle società partecipate dal Ministero - con il supporto di primarie società di consulenza per la selezione e il reclutamento manageriale (Eric Salmon & Partners, Korn Ferry, Spencer Stuart), sulla base di criteri di professionalità e secondo prassi di uso comune di mercato". Per quanto riguarda la società Terna S.p.A., le cui nomine spettano al Consiglio di Amministrazione della Cassa depositi e prestiti, "le proposte dei vertici CDP saranno coerenti con i criteri seguiti dal Governo nelle nomine di propria competenza", conclude la nota del Mef.
Pubblicato in Economia
Lunedì, 06 Marzo 2017 06:00

Eni, Descalzi: «2016 anno record»

"Il 2016 è stato un anno record, nonostante gli scenari difficili: abbiamo raggiunto tutti i traguardi strategici e conseguito ottimi risultati nella produzione, nelle riserve e nella neutralità di cassa". Lo ha detto l'Ad di Eni, Claudio Descalzi, nel corso della presentazione del piano strategico 2017-2020 agli operatori del mercato. "Sempre nel 2016, ci sono stati 3 miliardi di risparmi in più rispetto al 2015, meno 19% di Capex, meno 14% Opex, meno 150 milioni di G&A. L'Eni è stata l'unica grande azienda a ridurre il debito dall'inizio della recessione", ha aggiunto.
Pubblicato in Società
Lunedì, 06 Febbraio 2017 06:00

Eni, la nave “Kufuor” è pronta a salpare

Si è tenuta oggi a Singapore la cerimonia di battesimo dell’unità galleggiante di produzione e stoccaggio (floating production, storage and offloading, FPSO) “John Agyekum Kufuor”. Lo rende noto l'Eni. La FPSO andrà ad operare nel campo di Sankofa-Gye Nyame nel bacino di Tano, nell’offshore del Ghana, per il progetto Offshore Cape Three Points (OCTP). La nave, che prende il nome dall’ex presidente del Ghana Kufuor, presente alla cerimonia di battesimo insieme alla attuale First Lady Rebecca Akufo-Addo, arriverà in Ghana entro aprile 2017. La FPSO ha una capacità di trattamento oli di 58.000 barili al giorno (bbls/d) e una capacità di trattamento gas di 5,93 milioni di metri cubi standard al giorno (mmsm3/d). Altre caratteristiche della nave sono il modulo di iniezione acqua, con una capacità massima di 55.000 bbls/d, e il sistema di iniezione gas, con una capacità di 4,24 mmsm3/d. Un totale di 18 pozzi sottomarini saranno collegati alla FPSO, mentre un gasdotto di 63 chilometri la allaccerà alla costa, da dove potrà fornire gas alle centrali termoelettriche del Ghana per più di 15 anni, un contributo significativo al fabbisogno energetico e allo sviluppo economico del paese. PUBBLICITÀ Eni è operatore del Blocco OCTP con una quota del 44,44%. Gli altri partner sono Vitol con il 35,56% e GNPC con il 20%. Il gruppo è presente in Ghana dal 2009, dove opera attraverso la controllata Eni Ghana. Oltre alla licenza dell’OCTP, Eni è operatore della licenza di esplorazione Cape Three Points Block 4.
Pubblicato in Costume

“Auspichiamo il rinnovo delle misure di tutela a sostegno del reddito dei lavoratori delle imprese in difficoltà che operano nell'indotto dell'ex petrolchimico di Gela. Siamo vicini ai lavoratori che in queste ore manifestano le loro preoccupazioni, ma il blocco organizzato da giorni ai cancelli della Raffineria rischia di essere controproducente, mettendo definitivamente in ginocchio la realtà produttiva anche di quelle imprese che, con mille difficoltà, continuano ad operare a Gela e a creare occupazione e valore aggiunto per il territorio”.

Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per abbonarti o effettua il login dalla home page se sei abbonato 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Società

"La scoperta da parte dell'ENI del maxi-giacimento di gas al largo delle coste egiziane conferma la straordinaria importanza dei risultati che l'innovazione tecnologica nelle ricerche di fonti energetiche rende possibili". Lo ha dichiarato il ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi. "Il Governo - ha aggiunto il Ministro - apprezza in modo particolare la grande attenzione che l'ENI ha dato in questi ultimi tempi allo sviluppo del gas come fonte energetica pulita, all'innovazione delle tecniche di ricerca e alla valorizzazione, in controtendenza con quanto accade in molti altri Paesi, delle aree dove sono già presenti infrastrutture produttive in grado di sfruttare le possibili sinergie ai fini di un contenimento dei costi e di un rapido avvio delle produzioni". Il Ministro Guidi ha espresso infine la sua soddisfazione per il rafforzamento delle relazioni economiche e commerciali con l'Egitto che giunge dopo analoghe iniziative in Angola, Congo e Mozambico.

Pubblicato in Economia

San Donato Milanese (MI), 1 luglio 2015 –Lapo Pistelli guiderà l'unità di Stakeholder Relations for Business Development Support, a supporto del business di Eni in relazione alle attività internazionali. La struttura opererà nell’ambito della Direzione Chief Services & Stakeholder Relations Officer che presidia, tra l’altro, le relazioni con gli stakeholder e le ONG e i temi di sostenibilità. La conoscenza e sensibilità maturate da Pistelli nel suo percorso professionale in relazione ad aree chiave per il business della società e caratterizzate da complessità geopolitiche, come Africa e Medioriente, porteranno un significativo valore aggiunto. La nomina di Pistelli in Eni avviene in seguito al parere favorevole espresso dall’autorità Antitrust sulla compatibilità del nuovo incarico con il precedente ruolo governativo e all’accoglimento da parte della Camera dei Deputati delle dimissioni da Deputato.

Pubblicato in Economia

Nominati i ricercatori e gli scienziati premiati nell’ottava edizione di Eni Award, il premio istituito nel 2007 per la ricerca nei campi dell'energia e dell'ambiente, con lo scopo di promuovere un migliore utilizzo delle fonti energetiche e stimolare le nuove generazioni di ricercatori.

Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per abbonarti o effettua il login dalla home page se sei abbonato   

Pubblicato in Ambiente

Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per abbonarti o effettua il login dalla home page se sei abbonato 

Pubblicato in NEWS

Mercati internazionali dei prodotti petroliferi in forte rimbalzo e prezzi raccomandati sulla rete carburanti italiana che tornano a salire. A mettere mano ai listini di benzina e diesel, infatti, sono state sabato Eni (+1 cent/litro) e IP (+0,8 cent), seguite oggi da Esso (+1 cent). Sul territorio, quindi, prezzi praticati nuovamente in leggero aumento. Secondo quanto risulta in un campione di impianti che rappresenta la situazione italiana per il servizio Check-Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato "servito" della benzina va oggi dall'1,653 euro/litro di Eni all'1,679 di Tamoil (no-logo a 1,491). Per il diesel si passa dall'1,569 euro/litro di Eni all'1,590 di Q8 e Tamoil (no-logo a 1,397). Il Gpl, infine, e' tra 0,587 euro/litro di Esso e 0,624 di Shell (no-logo a 0,570). Le punte massime sempre sul "servito", osservate per tutti e tre i prodotti nell'Italia meridionale, risultano in crescita a 1,750 euro/litro per la benzina mentre sono ferme a 1,645 euro/litro per il diesel e 0,653 euro/litro per il Gpl.

Pubblicato in Economia
Mercoledì, 18 Febbraio 2015 09:53

Crolla utile Eni 2014 a 1,33 miliardi

Dai risultati consolidati del quarto trimestre e del preconsuntivo 2014, approvati ieri dal Cda del Gruppo.Eni, emerge che l’utile netto dell’esercizio 2014 è stato di 1,33 miliardi di euro (-74,2%). Claudio Descalzi, Amministratore Delegato, ha commentato: “Nel quarto trimestre, in presenza di un contesto di mercato sfavorevole, Eni ha ottenuto eccellenti risultati ed una generazione di cassa record negli ultimi sei anni. I motivi principali di tale performance sono stati l'elevato valore della produzione upstream e l'accelerazione della ristrutturazione dei business mid-downstream. Sono inoltre proseguite le iniziative, avviate nel maggio 2014, di ribilanciamento del portafoglio di gruppo, di focalizzazione sulle attività core upstream ulteriormente rafforzate dai continui successi esplorativi e da una costante crescita organica delle riserve certe, e di ricerca di un maggior livello di efficienza. In funzione dei risultati conseguiti proporrò al prossimo CdA la distribuzione di un saldo dividendo 2014 di 0,56 euro per azione”. Per il 2015 il management prevede iniziative di ottimizzazione e riprogrammazione dei progetti d’investimento con conseguente riduzione dello spending rispetto al 2014 (12,2 miliardi l’ammontare degli investimenti tecnici e 0,4 miliardi quello di investimenti finanziari del consuntivo 2014) in risposta al trend ribassista del prezzo del petrolio; tali azioni avranno un impatto nel complesso limitato sui piani di crescita delle produzioni a breve e medio termine.

Pubblicato in Economia
Pagina 1 di 2

Edizione Cartacea

laDiscussione - Edizione Cartacea

Per avere accesso alla versione in PDF dell'edizione cartecea de laDiscussione, è necessario possedere un abbonamento in corso di validità




X

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni