Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEconomiaVisualizza articoli per tag: enel
Lunedì, 20 Marzo 2017 06:00

Profumo a Leonardo, conferme Eni ed Enel

Alessandro Profumo subentra a Mauro Moretti in Leonardo (ex Finmeccanica), Bianca Maria Farina e Matteo Del Fante approdano a Poste Italiane, sostituendo Luisa Todini e Francesco Caio, mentre vengono confermati i vertici di Eni ed Enel e per Enav vengono indicati Roberto Scaramella e Roberta Neri. Il ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato le liste che verranno depositate per il rinnovo degli organi sociali delle partecipate, che avverrà con le prossime assemblee degli azionisti per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2016. Enav Per l’assemblea degli azionisti di Enav S.p.A., convocata per il 28 aprile 2017, il ministero, titolare del 53,37% del capitale, depositerà questa lista per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione: 1. Roberto Scaramella, 2. Roberta Neri, 3. Giuseppe Acierno, 4. Maria Teresa Di Matteo, 5. Nicola Maione, 6. Mario Vinzia. Enel Per l'assemblea degli azionisti di Enel S.p.A., convocata per il 4 maggio 2017, il ministero, titolare del 23,58% del capitale, depositerà questa lista per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione: 1. Patrizia Grieco, 2. Francesco Starace, 3. Alfredo Antoniozzi, 4. Alberto Bianchi, 5. Paola Girdinio, 6. Alberto Pera. Eni Per l'assemblea degli azionisti di Eni S.p.A., convocata per il 13 aprile 2017, il ministero, titolare del 4,34% del capitale e per il tramite di Cassa Depositi e Prestiti (partecipata al 82,77% dal MEF) di un ulteriore 25,76%, depositerà queste liste per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale: Cda 1. Emma Marcegaglia, 2. Claudio Descalzi, 3. Andrea Gemma, 4. Diva Moriani, 5. Fabrizio Pagani, 6. Domenico Trombone. Collegio Sindacale 1. Paola Camagni (Sindaco effettivo), 2. Andrea Parolini (Sindaco effettivo), 3. Marco Seracini (Sindaco effettivo), 4. Stefania Bettoni (Sindaco supplente), 5. Stefano Sarubbi (Sindaco supplente). Leonardo Per l'assemblea degli azionisti di Leonardo S.p.A., convocata per il 2 e 16 maggio in sede ordinaria e il 2, 3 e 16 maggio in sede straordinaria, il ministero, titolare del 30,20% del capitale, depositerà questa lista per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione: 1. Giovanni De Gennaro, 2. Alessandro Profumo, 3. Guido Alpa, 4. Luca Bader, 5. Marina Calderone, 6. Marta Dassù, 7. Fabrizio Landi. Poste Italiane Per l’assemblea degli azionisti di Poste Italiane S.p.A., convocata per il 27 aprile 2017, il ministero, titolare del 29,30% del capitale e attraverso Cassa Depositi e Prestiti di una ulteriore quota del 35%, depositerà questa lista per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione: 1. Bianca Maria Farina, 2. Matteo Del Fante, 3. Carlo Cerami, 4. Antonella Guglielmetti, 5. Francesca Isgrò, 6. Roberto Rao. "I nominativi che compongono le liste - spiega il Mef - sono stati individuati secondo una procedura di selezione, svolta - in linea con quanto disposto dalla Direttiva del Ministro dell’economia e delle finanze sulle procedure di individuazione dei componenti degli organi sociali delle società partecipate dal Ministero - con il supporto di primarie società di consulenza per la selezione e il reclutamento manageriale (Eric Salmon & Partners, Korn Ferry, Spencer Stuart), sulla base di criteri di professionalità e secondo prassi di uso comune di mercato". Per quanto riguarda la società Terna S.p.A., le cui nomine spettano al Consiglio di Amministrazione della Cassa depositi e prestiti, "le proposte dei vertici CDP saranno coerenti con i criteri seguiti dal Governo nelle nomine di propria competenza", conclude la nota del Mef.
Pubblicato in Economia

Enel e associazioni dei consumatori hanno sottoscritto il protocollo d’intesa per la costituzione di un organismo di negoziazione paritetica. L'intesa raggiunta rientra nel percorso di approccio sostenibile di Enel, che pone costantemente il cliente al centro della propria attività, individuando soluzioni innovative per soddisfarne e anticiparne esigenze e bisogni. L'accordo segue a dieci anni di distanza la sottoscrizione del primo protocollo di settore con il quale azienda e associazioni istituirono la conciliazione paritetica.

Un patto che si rinnova con la sottoscrizione del primo accordo del settore energia, a seguito dell'introduzione di una disciplina organica in materia di risoluzione alternativa delle controversie con i consumatori, a seguito delle prescrizioni del Decreto Legislativo 130/2015 di recepimento della Direttiva europea in materia di “Alternative Dispute Resolution”.

Grazie al protocollo, gli oltre 30 milioni di clienti di Enel Energia ed Enel Servizio Elettrico, rispettivamente società di vendita del Gruppo Enel per il mercato libero e per il servizio di maggior tutela, si vedono riconosciuta la possibilità di gestire le eventuali controversie attraverso una procedura efficace, trasparente e imparziale.

La negoziazione sarà online, gratuita, rapida e costituirà condizione di procedibilità per l'esercizio di una eventuale azione giudiziaria. Oltre a Enel Energia ed Enel Servizio Elettrico, hanno sottoscritto il protocollo 19 Associazioni di consumatori riconosciute dal Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti presieduto dal ministro dello Sviluppo Economico. Oltre al protocollo, che disciplina i principi ispiratori dell'accordo, le parti hanno siglato anche lo Statuto che definisce le attività dell'organismo strutturato in un Comitato paritetico di garanzia e controllo, una segreteria di negoziazione e una Commissione di negoziazione. E' stato inoltre definito il regolamento che disciplina le modalità di svolgimento della procedura di negoziazione.

 

Pubblicato in Attualità

Per ora i numeri non sono entusiasmanti, si calcola che in Italia le auto elettriche sono poche decine di migliaia ma il problema principale è quello delle colonnine di ricarica. Il mercato, infatti, annuncia grandi novità nei modelli e nei costi tanto da far prevedere una impennata nelle vendite e nelle richieste di punti di ricarica. Stando a queste previsioni l'Enel  ha annunciato “un programma di investimenti per coprire il fabbisogno italiano di ricarica delle auto elettriche”. A ufficializzare le prossime mosse della società è l’amministratore delegato Francesco Starace nel corso della presentazione della partnership tra Enel e Formula E. Per l’ad della società elettrica nazionale gli automobilisti di auto elettriche hanno difficoltà di ricarica, per questo la società sta realizzando uno studio che sarà pronto a giugno per indicare quale deve essere la collocazione delle colonnine di ricarica in modo da coprire l'intero territorio nazionale.  Il piano dell'Enel ha una sua ragion d'essere anche perché, come ha osservato Starace, "nel 2017-2018 arriveranno tanti nuovi modelli di auto elettriche. Sarà un momento importante". Il problema principale per lo sviluppo dell'auto elettrica, ha spiegato l'amministratore di Enel, sta proprio nella difficoltà di ricaricarla: "E' vero che se chiedi a un ristorante di darti una spina te la dà, ma vorremmo che l'operazione diventasse una cosa normale". Le colonnine, ha comunque assicurato Starace, non verranno piazzate solo nelle città, ma anche nelle aree di servizio autostradali, dove l'Enel non si aspetta particolari resistenze da parte dei gestori: "Se durante il rifornimento elettrico uno si prende qualcosa al bar non vedo che problema possa esserci", ha sottolineato infine Starace. In tutto il mondo i numeri dicono che circolano più di un milione di auto elettriche, 1,15 per la precisione, e nel 2015 c'è stato un fortissimo incremento delle vendite rispetto al 2014, +70%, con 477mila unità vendute. 

Pubblicato in Economia

Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per abbonarti o effettua il login dalla home page se sei abbonato 

Pubblicato in NEWS

Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per abbonarti o effettua il login dalla home page se sei abbonato 

Pubblicato in NEWS
Giovedì, 19 Febbraio 2015 11:30

Si finge impiegata Enel per entrare in casa

 I carabinieri di Alcamo hanno arrestato una 31enne di origini thailandesi. La donna, con la scusa di proporre un contratto per conto dell'Enel, aveva bussato alla porta di un'anziana vedova abitante nel centro di Calatafimi Segesta. La signora ultraottantenne, facendosi raggirare dall'astuta ragazza, apparentemente dai modi affabili e cortesi, l'ha lasciata entrare in casa. La giovane, con una mossa fulminea si e' impossessata del portafoglio della malcapitata posto su un mobile della cucina per poi andarsene con disinvoltura. L'anziana, accortasi dell'ammanco, dopo qualche minuto ha informato i carabinieri che hanno rintracciato la 31enne nascosta in un anfratto tra i vicoli del centro storico. La ragazza vistasi ormai scoperta e senza via di fuga, ha ammesso il furto consegnando spontaneamente la refurtiva. La donna e' stata sottoposta agli arresti domiciliari nella propria abitazione di Marsala.

Pubblicato in Società

Edizione Cartacea

laDiscussione - Edizione Cartacea

Per avere accesso alla versione in PDF dell'edizione cartecea de laDiscussione, è necessario possedere un abbonamento in corso di validità




X

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni