Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEconomiaFirmato il Decreto per la sicurezza. Verso l’esame in parlamento del Def

Firmato il Decreto per la sicurezza. Verso l’esame in parlamento del Def In evidenza

Pubblicato in Economia
04 Ottobre 2018 di Antonio Falconio Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il Capo dello Stato ha firmato il decreto sulla sicurezza, predisposto deal ministro dell’interno, Salvini, accompagnandolo con una lettera al Presidente del Consiglio della quale sottolinea come, nella sua quotidiana attuazione, debbano essere tenute comunque in conto sia le prescrizioni della carta costituzionale sia degli obblighi internazionali assunti dall’Italia. Sempre oggi si è chiusa la vicenda, che si trascinava da giorni, sulla nomina del commissario per la ricostruzione del ponte crollato a Genova: sarà il sindaco della città, Bucci, sul cui nome si era espresso favorevolmente anche Toti, presidente della Regione Liguria. Anche il DEF, il documento di economia e finanza, sta per approdare in parlamento per un dibattuto che si presume stringato, visti i tempi stretti per la sua trasmissione all’Unione Europea. Sulle cifre c’è una divergenza di valutazioni sulle dotazioni finanziarie per i reddito di cittadinanza, fra la Lega, che non ha mai nascosto perplessità e riserve sulla istituzione e sulla gestione del provvedimento, e il movimento 5 stelle. Per Salvini sono disponibili 8 miliardi, mentre Di Maio insiste su 10. Non è un questione da poco, perché alla Lega preme che vi siano risorse anche per dare sostanza alle misure fiscali, specialmente quelle a sostegno dei cittadini in reali condizioni di difficoltà a far fronte alle richieste dell’Agenzia delle Entrate. A ragionarci sopra sembra evidente della cosiddetta pace fiscale liberebbe cittadini ed imprese da oneri insostenibili, dando quindi nuovi fiato alla spesa e agli investimenti, mentre il reddito di cittadinanza corre il rischio di allargare la platea dei soliti soggetti interessati, prima che a trovare un lavoro, alla riscossione del reddito tanto caro al M5S.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30