Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEconomiaMulè: "Se non si dà regolata a pagare saranno italiani"

Mulè: "Se non si dà regolata a pagare saranno italiani" In evidenza

Pubblicato in Economia
09 Agosto 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Esiste gia' un lungo elenco di tasse che di qui alla fine del 2018 gli italiani dovranno pagare se questo stranissimo governo non si da' una regolata. A volo d'angelo e senza scendere nel dettaglio esiste la concretissima possibilita' che, causa inerzia dell'esecutivo, i pedaggi autostradali aumentino del 5-6%; stessa percentuale per le bollette di luce e gas; dai giornali di ieri e oggi si apprende che torna ad agitarsi lo spettro di un infausto aumento dell'Iva su alcuni beni; le imprese dovranno certamente pagare piu' tasse per rinnovare i contratti a tempo determinato; l'aumento dello spread si porta dietro maggiori interessi per avere prestiti e piu' denaro per pagare i mutui. Nell'elenco non sono compresi i tagli ai Comuni, le follie legate ad eventuali stop alle grandi opere che si porterebbero dietro penali faraoniche oltre che far tornare l'Italia nel Medioevo. Su queste basi - parziali - il governo del cambiamento (a parole) chiude i primi due mesi di attivita'. Non poteva fare peggio, questo e' sicuro". Lo afferma, in una nota, Giorgio Mule', deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato. (Italpress).

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30