Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEconomiaBanche, Abi: «Da Bce doccia fredda, in italia sofferenze in calo»

Banche, Abi: «Da Bce doccia fredda, in italia sofferenze in calo» In evidenza

Pubblicato in Economia
11 Ottobre 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Se la signora Nouy pensa che i crediti vadano conteggiati in modo diverso deve parlarne prima con gli organismi internazionali di contabilita'. Invece cosi' e' stata una doccia fredda, si cambia in autunno cio' che e' stato definito in primavera. E proprio quando in sette mesi, da gennaio a luglio, le sofferenze nette sono calate in Italia del 23% alla cifra record di 65 miliardi. Dal 2011 al 2016 il sistema bancario ha accantonato 152 miliardi a fronte dei crediti deteriorati. Siamo in una fase virtuosa, di ripresa, di riduzione degli Npl sulle regole emanate in primavera". Cosi' il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, in un'intervista al Corriere della Sera torna sulla vicenda delle sofferenze bancarie dopo le nuove indicazioni della Bce. Sulle perplessita' espresse dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, dice: "Mi fa piacere la posizione del governo italiano. Risponde a opinioni che noi abbiamo espresso mercoledi' scorso e che hanno trovato ampia eco". Patuelli osserva come "in primavera e' stata emanata dalla Bce una cospicua regolamentazione, della quale quest'ultimo documento e' stato definito un addendum. E' un terremoto. Vorrebbero un meccanismo automatico che contrasta con i principi contabili internazionali, in particolare l'Ifrs 9 che entrera' in vigore dal primo gennaio e introduce il concetto di perdite attese lungo la vita del credito. Due posizioni inconciliabili". Le conseguenze di questa stretta sarebbe "primo, si favoriscono gli acquirenti di Npl: fissando una scadenza si abbassa il valore di cio' che si vende. Secondo, le banche dovrebbero avere piu' patrimonio: potrebbero quindi calare i prestiti alle famiglie e alle imprese, che invece ora sono in crescita".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni