Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEconomiaL’ auto costa ma gli italiani non vi rinunciano

L’ auto costa ma gli italiani non vi rinunciano In evidenza

Pubblicato in Economia
18 Giugno 2016 di Giuseppe Picciano Commenta per primo!
Vota questo articolo
(2 Voti)

L'automobile costa alle famiglie italiane ben 148 miliardi di euro. Un vero lusso al quale i cittadini del Belpaese difficilmente rinunciano. Lo rileva l’Annuario statistico dell'Automobile club d'Italia, pubblicato sul sito web, che evidenzia come la spesa nel 2015 sia diminuita del 4,3% rispetto al 2014. Se da una parte sono scesi sensibilmente i conti per il carburante, pari a 35 miliardi di euro, dall'altra sono cresciuti quelli per la manutenzione e la riparazione per un totale di 24 miliardi di euro. Leggera diminuzione anche per il prelievo fiscale derivante dai trasporti che raggiunge la cifra di 62,7 miliardi di euro. L'Aci evidenzia la crescita del numero delle auto circolanti: sono circa 340mila vetture in più nel 2015, per un totale di 37.351.233 unità, così come le nuove immatricolazioni, pari a 1.594.259, +15,8% ripsetto al 2014. Anche le radiazioni hanno seguito lo stesso andamento: 1.350.000. La metà delle vetture ha più di 10 anni di vita e le Euro 0 non catalizzate sono ancora il 10,5% del totale. Il rapporto tra autovetture e popolazione vede al 1° posto l'Umbria con 689 auto ogni 1.000 abitanti, all'ultimo la Liguria con 523; Catania vince tra i Comuni con un rapporto pari a 676, Venezia in coda con 416. Il Trentino registra l'aumento più consistente del parco auto negli ultimi quindici anni, (+77%), imputabile principalmente a una normativa fiscale favorevole, mentre la Liguria fa registrare appena un +1%. Rispetto alla popolazione, il numero delle auto circolanti in Italia è uno dei più alti al mondo: 614 vetture ogni 1000 abitanti. L’età media del parco auto in Italia nel 2015, in crescita rispetto all’anno precedente, risulta essere di 13 anni e 3 mesi per quelle alimentate a benzina; 8 anni e 9 mesi a gasolio, 6 anni e 8 mesi per quelle con doppia alimentazione benzina/gpl; 6 anni e 7 mesi per quelle a benzina/metano. Nel 2015 su circa 1.350.000 autovetture radiate, 116mila veicoli, pari all'8,6%, erano Euro 0 ed Euro 1, malgrado ciò al 31 dicembre dello scorso anno risultavano ancora iscritte al Pra 5.217.000 auto Euro 0 ed Euro 1, che equivalgono al 14% del totale. Le autovetture radiate avevano una età media di 15 anni e 1 mese: benzina, 16 anni e 9 mesi, gasolio 12 anni e 4 mesi, gpl e metano 16 anni e 4 mesi.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni