Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEconomiaNasce la prima banca dedicata solo a turismo e a commercio

Nasce la prima banca dedicata solo a turismo e a commercio In evidenza

Pubblicato in Economia
13 Aprile 2016 di Giuseppe Picciano Commenta per primo!
Vota questo articolo
(1 Vota)

Agile, efficiente e, soprattutto, “smart”. Nascerà a Napoli la prima banca dedicata esclusivamente al Turismo e al Commercio. Sarà dunque innovativa proprio perché di istituti simili in Italia non ce ne sono. Il presidente del comitato promotore è Pasquale Tia, una vecchia conoscenze del settore creditizio, già padre nobile e fondatore della banca di Credito cooperativo di Napoli. La nascente non avrà sportelli e non fornirà blocchetti di assegni, offrirà servizi tecnologici di altissima qualità attraverso l’uso dei cellulari: dal pagamento delle tasse in tempo reale a quello dei parcheggi o all’acquisto di un biglietto dell’autobus. L’obiettivo è rendere più semplice la vita quotidiana dei clienti.

Perché questa scelta così selettiva, dottor Tia?

“In uno scenario dove le tutte le banche fanno la stessa cosa – spiega in esclusiva a La Discussione Tia - l’arma vincente dev’essere la differenziazione, cioè offrire servizi mirati e diversi. Io sono convinto che oggi uno dei pochi segmenti appetibili per i mercati sia quello del turismo. L’offerta che solo l’Italia, e nel proprio piccolo la stessa Campania, possono vantare è di altissimo livello. L’altro settore ancora competitivo sui mercati internazionali è quello dell’artigianato di un certo pregio artistico e dei prodotti della terra, questi ultimi peculiarità specifica dei territori campani e del Mezzogiorno. Vogliamo contribuire al rilancio di questi settori in modo da sollecitare anche l’attenzione delle istituzioni. Abbiamo l’aspirazione di valorizzare le nostre migliori espressioni territoriali per salvaguardarle e difenderle attraverso l’accompagnamento di iniziative di giovani anche alle prima esperienza imprenditoriale con prestiti ad hoc”.

L’idea di lanciare un istituto di credito innovativo è legata anche ai recenti scandali bancari?

“Per la verità, no. Diciamo piuttosto che questa iniziativa trae spunto dalla constatazione dalla crisi delle banche tradizionali. Il comitato promotore ha perciò pensato a una realtà che potesse differenziare i propri servizi rispetto alla concorrenza grazie una piattaforma tecnologica sofisticata e rispondente 24 ore su 24 alle necessità dei clienti. Ma l’obiettivo, sottolineo, quello di rilanciare due segmenti essenziali dell’economia campana”. 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni