Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEconomia

Commercio: Assocamerestero, prosegue avanza export italiano

Pubblicato in Economia
Scritto da Tommaso Marvasi il Lunedì, 18 Maggio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
"A fare da traino a questi risultati sono ancora una volta i mercati Extra-UE, anche per effetto del costante deprezzamento dell'euro sul dollaro, che proprio nel mese di marzo ha toccato il valore minimo di 1,0557, mantenendo una media mensile non superiore all'1,0837". Cosi' Gaetano Fausto Esposito, segretario generale di Assocamerestero, commentando i dati Istat sul commercio estero. "Al di fuori dell'UE a 28, a marzo si registra un record assoluto per l'export italiano, in crescita dell'11,4% su base annua, sulla scia di un incremento che, avviatosi lo scorso settembre 2014 e sebbene a ritmi altalenanti, non ha conosciuto fino…

Commercio estero, Istat: a marzo crescono import ed export

Pubblicato in Economia
Scritto da Francesca Romana Falconio il Lunedì, 18 Maggio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
A marzo si rileva una crescita per entrambi i flussi commerciali con l’estero, maggiore per le importazioni (+4,0%) che per le esportazioni (+1,8%). A dirlo è l’Istat che sottolinea come l’incremento congiunturale dell’export è determinato da una crescita delle vendite sia verso i mercati extra Ue (+2,2%) sia verso quelli Ue (+1,5%). I prodotti energetici (+8,4%), i beni di consumo non durevoli (+3,2%) e i prodotti intermedi (+1,9%) sono in forte espansione. L’aumento congiunturale dell’import è principalmente da attribuire all’area extra Ue (+4,9%). La crescita è diffusa a tutti i principali raggruppamenti di beni ed è particolarmente rilevante per i…

Banche, Unimpresa: Boom sofferenze. In un anno +15% a 190 mld

Pubblicato in Economia
Scritto da Ettore Di Bartolomeo il Sabato, 16 Maggio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
Boom di sofferenze nelle banche: negli ultimi 12 mesi, da marzo 2014 a marzo 2015, sono cresciute del 15% arrivando a sfiorare i 190 miliardi di euro, in aumento di oltre 25 miliardi. La fetta maggiore di prestiti che non vengono rimborsati regolarmente agli istituti di credito è quella delle imprese (134 miliardi); le "rate non pagate" dalle famiglie valgono più di 35 miliardi, mentre quelle delle imprese familiari 15 miliardi. Superano il tetto dei 4 miliardi, poi, le sofferenze della pubblica amministrazione, delle assicurazioni e di altre istituzioni finanziarie. Complessivamente le sofferenze adesso corrispondono al 13% dei prestiti bancari,…

Debito pubblico a quota 2.184,5 mld, a marzo +15,3 mld

Pubblicato in Economia
Scritto da Ettore Di Bartolomeo il Giovedì, 14 Maggio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato in marzo di 15,3 miliardi, a 2.184,5 miliardi. È quanto si legge nel supplemento "Finanza pubblica, fabbisogno e debito" di Bankitalia. L’incremento del debito è stato inferiore al fabbisogno del mese (18,6 miliardi), grazie all’effetto complessivo dell’emissione di titoli sopra la pari, dell’apprezzamento dell’euro e della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione (3,1 miliardi) e alla diminuzione di 0,2 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (a fine marzo pari a 78,9 miliardi; 61,9 miliardi a fine marzo 2014). Con riferimento ai sotto-settori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 14,2 miliardi, quello delle…

Inflazione, Istat: ad aprile +0,2%, -0,1% su anno

Pubblicato in Economia
Scritto da Ettore Di Bartolomeo il Mercoledì, 13 Maggio 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nel mese di aprile 2015, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,2% su base mensile e registra, come nei due mesi precedenti, una diminuzione su base annua pari a -0,1%, (secondo la stima preliminare, l’inflazione era nulla). È il quarto mese consecutivo – si legge in un report dell’Istat sui prezzi al consumo - che l’indice generale registra una flessione su base annua. Ciò è dovuto al persistere dell’ampia diminuzione dei prezzi dei beni energetici (-6,4%; era -6,5% a marzo), alla quale si sommano, ad aprile, i cali tendenziali dei…
La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30