Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEconomia

Borsa: procede in calo (-1,24%), giu' Finmeccanica, bene Saipem

Pubblicato in Economia
Scritto da Elisa Angelini il Mercoledì, 26 Agosto 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
Procede in calo la seduta di Borsa a piazza Affari. L'indice Ftse Mib perde l'1,24% a 21.380 punti mentre l'All Share cede l'1,1% a 23.016 punti. Maglie nere del listino Prysmian (-2,13%) e Finmeccanica che lascia sul terreno il 2,19%. Fra gli industriali giu' anche Buzzi (-1,07%). Telecom scende dell'1,24% e Stm dell'1,48%. In un settore, quello dell'energia, in calo (Enel -1,52%, Eni -2,03%), in controtendenza Saipem che recupera il 2,27% e positiva anche Snam a +0,32%. Perdite anche per le banche con Intesa sp a -0,68%, Unicredit -1,29% e Banco Popolare e Ubi a -1,5%.

Borse europee: estendono rialzi, rimbalzano energetici e minerari

Pubblicato in Economia
Scritto da Elisa Angelini il Martedì, 25 Agosto 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
L'inattesa crescita della fiducia delle imprese tedesche rafforza il rimbalzo delle borse europee. Francoforte segna +2,48%, Londra +2,19%, Parigi +2,63%, Milano +3,01%, Madrid +1,82% e Atene +2,88%. In ripresa gli energetici: Total sale del 2,88%, Shell avanza del 2,45%, Bp cresce dell'1,48% e Repsol guadagna il 2,53%. Ben intonato anche il comparto minerario, particolarmente sensibile alla domanda cinese. Brilla in particolare Bhp Billiton (+5,47%), che ha mantenuto il dividendo invariato nonostante il forte calo degli utili. Forti acquisti anche su Anglo American (+2,86%), Antofagasta (+3,37%) e Rio Tinto (+2,83%). 

BORSA: MILANO PROVA A LIMITARE DANNI CON EUROPA, FTSE MIB -2,3%

Pubblicato in Economia
Scritto da Elisa Angelini il Lunedì, 24 Agosto 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
La Borsa di Milano prova a limitare i danni. Dopo aver aperto in calo del 3,7% ed essere arrivato a cedere oltre il 4%, l'indice guida Ftse Mib segna -2,31 a 21.243 punti, mentre l'indice generale All Share perde il 2,35% a 22.831 punti. Pesano i cali delle altre Borse, in particolare il sell-off che stamani ha affossato le piazze cinesi, con Shanghai che ha chiuso ai minimi dal 2007, seguite a ruota dagli altri mercati asiatici (Tokyo ha perso il 4,6%). Calano anche le altre Borse Europee: ad Amsterdam Aex -2,7%; a Bruxelles Bel 20 -2,62%; a Parigi Cac…

Tasse nazionali 3 volte superiori a quelle locali In evidenza

Pubblicato in Economia
Scritto da Ettore Di Bartolomeo il Domenica, 23 Agosto 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
Secondo l’Ufficio studi della CGIA, le imposte, le tasse e i tributi che versiamo allo Stato centrale sono tre volte superiori a quelle che paghiamo a Regioni ed enti locali. Nel 2014, ad esempio, all’erario sono “confluiti” ben 379,7 miliardi, nelle casse dei Governatori e dei Sindaci, invece, sono stati versati solo, si fa per dire, 106,1 miliardi. Sul totale delle entrate tributarie incassate dalle Amministrazioni centrali, il 60% circa è riconducibile all'Irpef (161,4 miliardi), all’Iva (97,1 miliardi) e all’Ires (31 miliardi). {akeebasubs !*}Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per abbonarti o effettua…

Grecia: per Ue crescita nel 2017 In evidenza

Pubblicato in Economia
Scritto da Ettore Di Bartolomeo il Sabato, 22 Agosto 2015
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il Pil della Grecia registrerà una crescita del 2,7 per cento nel 2017 dopo la contrazione dell’1,3 per cento nel 2016. Lo stima la Commissione europea, sottolineando che l’economia greca subirà una flessione del 2,3 per cento nell’anno in corso. Gentile utente per accedere a questo contenuto riservato devi essere abbonato. Clicca qui per abbonarti o effettua il login dalla home page se sei abbonato  {akeebasubs *} Nel 2018, quando il nuovo pacchetto di aiuti scadrà, la crescita del Pil accelererà, raggiungendo un tasso del 3,1 per cento. La crescita a lungo termine – scrive Bruxelles - è…
La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni