Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeCulturaA Ostuni "Picasso, l'altra metà del cielo"

A Ostuni "Picasso, l'altra metà del cielo" In evidenza

Pubblicato in Cultura
25 Aprile 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Verra' inaugurata ufficialmente alle ore 18 di domani, martedi' 24 aprile, la mostra diffusa "Picasso, l'altra meta' del cielo", che svela il rapporto del genio spagnolo con le donne della sua vita e che vedra' contemporaneamente protagoniste le citta' di Ostuni, Mesagne e Martina Franca. Un ospite d'eccezione aprira' ufficialmente ai visitatori il percorso espositivo ostunese allestito presso Palazzo Tanzarella, antica struttura risalente al '500 collocata nel cuore del centro storico, lungo via Cattedrale. Sara' infatti Alessandro Cecchi Paone, noto conduttore televisivo, giornalista e accademico italiano, che avra' il compito di condurre i primissimi ospiti attraverso gli scatti fotografici e le opere che compongono l'esposizione pensata per la Citta' bianca. Da sempre attivo nella divulgazione scientifica e culturale attraverso il mezzo televisivo, Alessandro Cecchi Paone ha lavorato anche alla scrittura e alla conduzione di trasmissioni di intrattenimento. E' stato direttore del canale tematico Marco Polo e ha recentemente ricoperto il delicato ruolo di anchorman e vicedirettore del TG4. A lui va il prestigioso compito di condurre i primi ospiti alla scoperta della sezione ostunese di "Picasso, l'altra meta' del cielo". L'evento di apertura vedra' inoltre la partecipazione dello scrittore Fabio Salvatore, ideatore e conduttore del famoso Festival culturale "Magna Grecia", che ha recentemente fatto tappa anche nella Citta' bianca nella sua veste invernale, e dell'Assessore alla Cultura del Comune di Ostuni Vittorio Carparelli.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30