Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeCulturaPubblica Amministrazione, Anief: «Braccio di ferro, servono sei miliardi»

Pubblica Amministrazione, Anief: «Braccio di ferro, servono sei miliardi» In evidenza

Pubblicato in Cultura
12 Marzo 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Mentre dietro le quinte si infittiscono le manovre politiche per arrivare ad una maggioranza di Governo, scoppia il caso sul Documento di Economia e Finanza a cui sono affidate le sorti della politica economica del prossimo triennio". Lo afferma l'Anief in una nota. "Mentre si sviluppa il braccio di ferro tra l'attuale esecutivo, in scadenza di mandato e in teoria affidatario solo degli affari ordinari, e quello che verra', dalla composizione quanto mai incerta, Anief lancia un appello al nuovo Parlamento: un terzo delle risorse a disposizione del nuovo documento di economia e finanza deve necessariamente essere destinato ad ancorare l'indicizzazione degli stipendi al 50% dell'aumento dell'inflazione registrata negli ultimi dieci anni - prosegue la nota -. A sostenerlo non e' solo l'organizzazione che tutela i lavoratori, ma lo prevede una norma dello Stato vigente ma non applicata: la Legge 190/2014, che proroga al 2018 i valori dell'indennita' di vacanza contrattuale del 2013 che la Legge 147/2013 aveva bloccato al 2008. Pertanto, a fronte di un reddito medio di 30mila euro di un dipendente pubblico degli oltre 3 milioni in servizio, l'indice di inflazione programmata da assegnare ha delle aliquote definite per legge: 4,25 per 4,3 mensilita' 2015; 4,26 per tutto il 2016; 4,66 per il 2017; 5,56 per il 2018; 6,46 per il 2019, con ipotesi stessa d'inflazione dell'anno corrente al 50%".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30