Cerca nel sito

 

Sei qui: HomeAttualitàIlva: Cisl "Numeri occupazionali ancora non collimano"

Ilva: Cisl "Numeri occupazionali ancora non collimano" In evidenza

Pubblicato in Attualità
07 Agosto 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"E' il momento delle responsabilita' o di ulteriori rinvii? Questo e' il dilemma che si e' posto ai partecipanti al tavolo di oggi per Ilva". Lo dichiara il segretario confederale della Cisl, Angelo Colombini, che oggi ha partecipato all'incontro con il ministro Di Maio. "Se, da una parte, e' stato confermato che nessuno a questo tavolo vuole chiudere Ilva, e questo e' importante, dall'altra, tra l'attesa di un possibile annullamento della gara e la verifica delle reali disponibilita' delle ulteriori risorse economiche rispetto alle ultime proposte del precedente Governo, per gli interventi ambientali e sociali, il tempo scorre e i lavoratori dell'Ilva e dell'indotto collegato, come al solito, sono quelli che rischiano in prima persona. I numeri occupazionali - aggiunge - ancora non collimano. La posizione del sindacato e' chiara sin dall'inizio, l'accordo non puo' prevedere esuberi e riteniamo che gli spazi si possano trovare, grazie anche alla conferma, da parte dei commissari dell'Ilva, dei 250 milioni per la gestione degli esodi volontari. Ma il tempo stringe ed i ritardi o la indefinitezza di alcune posizioni rischiano di bruciare risorse ed opportunita'. Il negoziato proseguira' nei prossimi giorni su convocazione del ministro Di Maio, con l'obiettivo di definire un accordo complessivo sui temi di politica ambientale e bonifiche, di politica industriale e le garanzie occupazionali per tutti i lavoratori del gruppo, compreso l'indotto", conclude. (Italpress).

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30