Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeAmbienteOasi del Simeto, in spiaggia uova di tartarughe marine

Oasi del Simeto, in spiaggia uova di tartarughe marine In evidenza

Pubblicato in Ambiente
10 Agosto 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Le tartarughe marine Caretta caretta per la nidificazione hanno scelto per il quarto anno consecutivo le spiagge dell'Oasi del Simeto. Non resta che aspettare la schiusa delle uova ritrovate, che avverrà nelle prossime settimane, e confidare nella collaborazione dei cittadini, per la tutela di questa specie protetta a rischio di estinzione e di tutto l'habitat naturale. Le uova sono state rinvenute a fine giugno dai volontari del WWF Sicilia Nord Orientale, a seguito di un' assidua attività di monitoraggio della spiaggia nell'area protetta, gestita dalla Città Metropolitana di Catania. Il nido è stato recintato e segnalato da un cartello. Il ritrovamento è il risultato dell'attività di molteplici Associazioni ambientaliste no profit, Ripartizione Faunistico Venatoria, WWF e "Nuova Oasi", insieme all'Ente gestore. La nidificazione attesta l'importanza naturalistica della spiaggia e dell'area protetta, sorvegliate dal personale di vigilanza della Citta' Metropolitana di Catania, diretto da Gaetano Torrisi, per contrastare le attività illecite. Tra i reati più comuni consumati al solo fine di fruire -in forma distorta e privatistica - spiaggia e mare, beni comuni, vi e' la movimentazione della sabbia costiera con l'uso di mezzi meccanici che compromettono l'integrità degli habitat naturali ove sosta e nidifica, oltre alla tartaruga di mare, la fauna e l'avifauna protetta e altera gli originari aspetti paesaggistici dei luoghi con palese danneggiamento del residuo apparato dunale. (Italpress).

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30