Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeAmbienteCosta firma decreto trasparenza, "Dicastero aperto a tutti"

Costa firma decreto trasparenza, "Dicastero aperto a tutti" In evidenza

Pubblicato in Ambiente
02 Agosto 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa ha firmato il "Decreto Trasparenza" con cui si istituisce l'Agenda pubblica degli incontri con i portatori di interesse. Dal 1° settembre tutti gli incontri che il ministro, i suoi collaboratori, i sottosegretari, i direttori generali avranno con i rappresentanti di soggetti giuridici, pubblici o privati, anche partecipati dallo Stato, di consorzi, di associazioni di categoria, di associazioni di protezione ambientale, di associazioni anche non riconosciute, di comitati di cittadini, di fondazioni, nonché coloro che professionalmente li rappresentano o svolgono nell'interesse di questi funzioni di consulenza, saranno registrati e resi pubblici sul sito internet del ministero. "La casa dell'Ambiente - ha dichiarato Costa - diventa cosi' per davvero una casa di vetro. Il ministero deve essere un luogo aperto a tutti. Non solo alle imprese ma anche e soprattutto alle associazioni civiche, ai movimenti, a tutti i volontari che rappresentano le istanze dei territori e che reclamano attenzione sulle tematiche ambientali. La trasparenza può essere l'elemento che rende pari il confronto tra interessi diversi e che rende possibile al decisore pubblico una giusta valutazione di tutte le istanze nel momento in cui si deve assumere la responsabilita' di decidere, in un verso o nell'altro. In questo modo tutti i cittadini, con un click, sapranno chi e' entrato al ministero, chi ha incontrato chi, perché, per chiedere cosa e quale documento, quale proposta ha consegnato". (Italpress).

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30