Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeAmbienteDa Enea simulatore smart per piante al chiuso nello spazio

Da Enea simulatore smart per piante al chiuso nello spazio In evidenza

Pubblicato in Ambiente
08 Maggio 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Enea ha brevettato e realizzato presso il Centro Ricerche di Portici il primo "microcosmo" per la coltivazione al chiuso e in ambienti estremi di piante come olivo, patata, pomodoro, lattuga e basilico, utilizzando comunque la terra. Si tratta di un vero e proprio "simulatore" di campo hi tech, unico in Italia, che permette la crescita di piante "superiori", dotate cioè di una parte radicale e una parte aerea, sia legnose che erbacee, in ambienti "chiusi" normalmente inadatti alla coltivazione, come aeroporti, metropolitane e centri commerciali, ma anche "estremi" come aree desertiche e glaciali o nell'ambito di missioni spaziali. Realizzato in collaborazione con il Gruppo FOS, questo sistema innovativo di "smart agricolture" si distingue dalle serre e dalle comuni camere di crescita principalmente per l'architettura "a doppio stadio"; sensori per il controllo dei parametri ambientali che influenzano crescita, sviluppo e riproduzione delle piante; il sistema luci a LED che fornisce alle piante una illuminazione di precisione mediante lunghezze d'onda selezionate invece dell'intero spettro solare. "L'innovazione principale - evidenzia Luigi d'Aquino del Laboratorio Nanomateriali e Dispositivi dell'ENEA di Portici - e' rappresentata dal 'doppio stadio' vale a dire con due camere indipendenti: una ipogea, destinata all'allevamento dell'apparato radicale e della rizosfera della pianta, cioè dell'insieme degli organismi che vivono nella zona del substrato in cui crescono le radici, e una camera epigea, destinata all'allevamento della parte aerea e della fillosfera della pianta, cioè dell'insieme degli organismi che vivono nel suo ambiente aereo". Pur essendo indipendenti e gestite autonomamente a livello dei parametri ambientali, le due camere sono, pero', intercomunicanti proprio come in natura, grazie gli scambi gassosi che avvengono attraverso il substrato di crescita delle radici (terreno, terriccio, composta o torba). "L'analogia con il campo coltivato - prosegue d'Aquino - è ancora più evidente se esaminiamo i microcosmi dal punto di vista della rapidità di crescita e della produttività di clorofilla e biomassa delle piante. Attualmente stiamo sperimentando l'efficacia del microcosmo abbinato all'illuminazione di precisione: abbiamo seminato e allevato per lo stesso periodo di tempo piante di basilico della stessa varietà, alcune in vasetto in laboratorio, un ambiente tipicamente inospitale per le piante, altre in un microcosmo sotto luce bianca e altre ancora in un altro microcosmo sotto luce di precisione LED di colore blu e rosso. Dopo circa un mese, rispetto alle piante lasciate crescere in laboratorio, quelle allevate in microcosmo sotto luce bianca sono cresciute molto di più, ma quelle nel microcosmo sotto luce di precisione hanno sviluppato una biomassa decine di volte superiore, maggiore clorofilla e sono passate anche alla fase riproduttiva".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30