Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeAmbientePolytalk, industria europea plastica contro marine litter

Polytalk, industria europea plastica contro marine litter In evidenza

Pubblicato in Ambiente
27 Aprile 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"La plastica e' una risorsa troppo preziosa per diventare un rifiuto e i nostri mari sono un valore da proteggere. L'industria europea sostiene l'obiettivo: mai piu' plastica negli ambienti marini". Cosi' Daniele Ferrari, presidente di PlasticsEurope, nel suo intervento all'edizione 2018 di Polytalk, il summit dei produttori di materie plastiche che quest'anno si e' svolto a Malta. Il tema della plastica negli oceani, una delle sfide ambientali piu' sentite a livello mondiale, e' stato al centro di una due giorni di dibattito che ha coinvolto oltre 180 rappresentanti del mondo politico, dell'industria, delle principali associazioni non governative e scienziati di tutto il mondo. "PolyTalk 2018 e' un tavolo aperto a tutti coloro che non credono a un futuro senza plastica ma vogliono dire basta ai rifiuti di plastica in mare: cogliamo questa occasione per condividere strategie concrete, anche basate su nuove partnership con stakeholder interessati a prevenire la dispersione dei rifiuti a livello mondiale", ha proseguito Ferrari. L'Europa ha gia' fatto molto per contenere il marine litter e per un trattamento dei rifiuti in linea con quanto richiesto dai principi che ispirano l'economia circolare: negli ultimi 10 anni il riciclo e' aumentato di quasi l'80% e il ricorso alla discarica si e' ridotto di oltre il 50%. Molto pero' resta ancora da fare: i produttori lanciano un appello forte per la condivisione di progetti comuni che coinvolgano istituzioni e attori sociali di altri Paesi, affinche' si impegnino per una corretta gestione dei rifiuti, anche attraverso una maggiore attenzione al fine vita della plastica, a livello mondiale. L'appello e' stato favorevolmente colto e sostenuto dai rappresentanti delle istituzioni e delle organizzazioni non governative presenti all'evento."Il nostro impegno non si ferma - ha concluso Ferrari - vogliamo incrementare la nostra attivita' in settori chiave, identificare le lacune esistenti nella conoscenza del problema e discutere su come migliorare le infrastrutture per la gestione dei rifiuti". Stefano Ciafani, presidente di Legambiente, intervenuto al convegno, ha affermato: "Il fenomeno del marine litter sta assumendo proporzioni sempre piu' preoccupanti, anche nel Mediterraneo. La plastica e' il materiale piu' ritrovato nell'ambiente marino e costiero a causa della cattiva gestione dei rifiuti e dell'abbandono consapevole. I dati dei nostri monitoraggi, realizzati con Goletta Verde e i nostri circoli locali, evidenziano pero' come gran parte di questi rifiuti possano essere riciclati e quanto sia importante anche una buona politica di prevenzione". "L'Italia - ha continuato Ciafani - gioca un ruolo da apripista, grazie alle esperienze avanzate di economia circolare e alle norme approvate negli ultimi anni per prevenire il problema del marine litter. Quello che chiediamo qui a Malta e' che il modello italiano sia replicato in tutti i Paesi del Mediterraneo, compresi Nord Africa e Medioriente, per una politica integrata ed efficace di riduzione del fenomeno. Infine - ha concluso - e' importante affrontare con coraggio il problema dell'usa e getta. Su tutto questo il ruolo delle imprese e dell'innovazione e' fondamentale per intervenire, da una parte, nei cicli produttivi affinche' siano meno inquinanti, dall'altra nella realizzazione di prodotti piu' sostenibili. Il problema del marine litter e' molto complesso e le soluzioni efficaci richiedono una forte sinergia tra imprese, istituti di ricerca e associazioni di cittadini. La conferenza Politalk 2018 organizzata da PlasticsEurope va proprio in questa direzione".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30