Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeAmbienteAntartide, telecamera su balenottera per studio alimentazione

Antartide, telecamera su balenottera per studio alimentazione In evidenza

Pubblicato in Ambiente
19 Marzo 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Per la prima volta in assoluto, in Antartide gli scienziati dell'Universita' della California, supportati dal WWF, hanno applicato una telecamera a una balenottera minore (Balaenoptera acutorostrata) una delle specie di cetacei meno conosciuta al mondo e dalle dimensioni contenute (fino a 9 metri). La telecamera inizialmente posizionata sul dorso attraverso un sistema di ventose, si e' spostata sul fianco dell'animale rimanendo tuttavia attaccata. In questo modo ha permesso di riprendere in modo incredibile il sistema di alimentazione delle balenottere minori. Quando si alimentano, le sue cugine piu' grandi come la balenottera azzurra o la balenottera comune ingurgitano una quantita' d'acqua grande quasi quanto il loro intero corpo, da cui filtrano il krill o altri piccoli pesci grazie ai fanoni, ma in tempi molto lunghi. I video fanno vedere la balenottera che si sposta a 24 km all'ora mentre si alimenta in velocita' e come ingurgita l'acqua ricca di pesci espandendo le pieghe della gola. Attraverso le immagini e' stato anche possibile capire meglio l'impatto che la riduzione del ghiaccio marino causato dai cambiamenti climatici sta avendo sulle balenottere. Il ghiaccio marino e' infatti parte dell'habitat delle balenottere minori, che li' si nutrono e si nascondono da predatori fra cui le orche. Ma a causa dei cambiamenti climatici, il ghiaccio marino nella Penisola Antartica si forma con 2 mesi di ritardo e si ritira circa un mese prima.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30