Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeAmbienteAgroalimentare: Mipaaf, al via i Distretti del cibo

Agroalimentare: Mipaaf, al via i Distretti del cibo In evidenza

Pubblicato in Ambiente
20 Marzo 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Si e' tenuta oggi a Bergamo la presentazione nazionale dei Distretti del cibo, un nuovo strumento previsto dalla legge di bilancio per garantire ulteriori risorse e opportunita' per la crescita e il rilancio a livello nazionale di filiere e territori. All'evento, al quale ha preso parte il presidente della Provincia di Bergamo Matteo Rossi, sono state presentate le linee di azione per i nuovi distretti e alcuni esempi di realta' gia' operative. In questa prospettiva vengono definiti come Distretti del cibo "i distretti rurali e agroalimentari di qualita' gia' riconosciuti o da riconoscere; i distretti localizzati in aree urbane o periurbane caratterizzati da una significativa presenza di attivita' agricole volte alla riqualificazione ambientale e sociale delle aree; i distretti caratterizzati dall'integrazione fra attivita' agricole e attivita' di prossimita'; i distretti biologici". Per garantire lo sviluppo di tutto il territorio e non solo delle singole filiere, i nuovi Distretti opereranno attraverso programmi di progettazione integrata territoriale. Il riconoscimento dei Distretti viene affidato alle Regioni e alle Province autonome che provvedono a comunicarlo al Mipaaf presso il quale e' istituito il Registro nazionale dei Distretti del Cibo, disponibile sul sito del ministero delle Politiche Agricole. Per il rilancio del settore e per il sostegno ai distretti sono stati stanziati 5 milioni di euro per il 2018 e 10 milioni a decorrere dal 2019.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30