Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeAmbienteFestival acqua, D'Ascenzi: «Per ridurre sprechi necessari 5 mld»

Festival acqua, D'Ascenzi: «Per ridurre sprechi necessari 5 mld» In evidenza

Pubblicato in Ambiente
10 Ottobre 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
I cambiamenti climatici al centro della prima giornata del festival dell'Acqua, in corso nell'Universita' degli Studi di Bari. Tre le regole fondamentali per ridurre lo spreco della risorsa idrica, stese dal vice presidente di Utilitalia, Mauro D'Ascenzi: "Tenere l'acqua quando arriva per rilasciarla quando serve; distribuirla a tutti, equamente, senza perderla per strada; recuperarla e restituirla alla natura almeno come ce l'ha data. Dietro tutto questo - ha dichiarato - c'e' molto da fare, perche' i cambiamenti climatici - ha continuato - fanno si' che abbiamo lunghi periodi di siccita' e poi arrivano le cosiddette bombe d'acqua. Allora dobbiamo cominciare a pensare che le bombe d'acqua non sono nostre nemiche, ma nostre amiche. Cioe' - ha spiegato - dobbiamo impedire che facciano danni con sistemi di regimentazioni, e di dighe, una parola che ora e' difficile da pronunciare. Poi ci sono le tubature: se perdono, sprechiamo la risorsa quando ce n'e' bisogno. Quindi bisogna rifarle. Ed infine bisogna depurare l'acqua per riadoperarla, depurata sia ad usi agricoli sia industriali, che per restituirla alla natura, senza inquinare". Per ridurre gli sprechi nelle reti e realizzare infrastrutture per la depurazione dell'acqua, in Italia per D'Ascenzi occorre un investimento di circa "cinque miliardi di euro l'anno. Questo - ha ribadito - provocherebbe decine e decine di migliaia di posti di lavoro, oltre a sistemare tutta la situazione ambientale, non solo la risorsa acqua. Ne beneficerebbe - ha concluso - tutto l'ambiente".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni